In Europa il prezzo del pane è aumentato del 18%

Martin Bertrand / Hans Lucas / Afp

AGI - Il prezzo del pane nell'Ue, ad agosto, è stato il 18% più caro rispetto all'anno prima. In Italia, l'aumento è stato del 13,5%.

È quanto emerge dai dati di Eurostat, l'Ufficio di statistica dell'Ue, secondo cui “si tratta di un aumento enorme rispetto all'agosto 2021, quando il prezzo del pane era in media del 3% più alto rispetto all'agosto 2020”.

L'ente ha evidenziato che “questo è dovuto in particolare all'invasione russa dell'Ucraina, che ha disturbato in modo significativo i mercati globali, dal momento che la Russia e l'Ucraina sono stati grandi esportatori di cereali, grano, mais, semi oleosi (in particolare girasoli) e fertilizzanti”.

L'aumento, però, non riguarda solo il pane, ma anche verdure e carne. “Il cibo è diventato più costoso”, ha sottolineato Eurostat.

Alcuni Paesi sono stati molto più colpiti di altri: gli aumenti maggiori del prezzo del pane si sono registrati in Ungheria (+65,5% ad agosto 2022), Lituania (+33,3%), Estonia e Slovacchia (entrambe +32,2%), mentre al polo opposto, con le variazioni minori, si trovano Francia (+8,2% ad agosto 2022), Paesi Bassi (9,6%) e Lussemburgo (entrambi +10,2%).