Europa pronta a prendere misure per far rispettare accordo Brexit

·1 minuto per la lettura
Bandiera dell'Unione europea davanti alla sede della Commissione Ue a Bruxelles

PARIGI (Reuters) - Gli Stati membri dell'Unione europea annunceranno nei prossimi giorni alcune misure disegnate per fare pressione su Londra, in modo che il Regno Unito rispetti l'Accordo di Recesso siglato dopo la Brexit.

Lo ha detto oggi, in un'intervista con la radio Europe 1, il ministro francese degli Affari Europei Clement Beaune.

Beaune non ha spiegato quali misure gli stati europei intendano prendere, ma ha fatto notare che la Gran Bretagna dipende dalle forniture di energia che riceve dall'Europa continentale.

Il ministro ha poi aggiunto che la Francia si è sentita esasperata per la decisione dell'Isola di Jersey, dipendenza della corona britannica, di rifiutare le licenze di pesca a dozzine di pescherecci francesi.

"Adesso basta, abbiamo un accordo negoziato dalla Francia, da Michel Barnier, e dovrebbe essere applicato al 100%. E al momento questo non sta succedendo", ha detto Beaune, riferendosi all'ex capo negoziatore per la Brexit, di nazionalità francese.

"Nei prossimi giorni, e ho parlato di questo problema ieri con le mie controparti europee, prenderemo misure, a livello europeo oppure nazionale, per fare pressione sul Regno Unito".

"Noi difendiamo i nostri interessi. Lo facciamo correttamente e diplomaticamente, ma quando questi metodi non funzionano, adottiamo misure".

"Ad esempio, possiamo immaginare, dal momento che stiamo parlando di energia ... il Regno Unito dipende da noi per le forniture di energia", ha aggiunto Baune. "Credono di poter vivere da soli e farsi beffe dell'Europa".

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli