Europa, temperature sopra la media in molti paesi. Colpa dei cambiamenti climatici

Europa, temperature sopra la media in molti paesi. Colpa dei cambiamenti climatici

Dopo l'estate più calda mai registrata in Europa, anche l'autunno prosegue su questo trend. Un fine ottobre insolito. In diverse parti della Francia, della Spagna e dell’Italia le temperature autunnali sono più calde del solito, ma anche in Belgio, Paesi Bassi, Germania, Polonia, Danimarca la situazione è simile.

In queste aree le temperature potranno raggiungere i 24-25°C, ma con picchi di oltre 26-28°C sulla Francia e oltre i 30-32°C sulla Spagna. Anche le temperature minime notturne si manterranno diffusamente sopra la media, su valori che potranno non scendere neanche sotto i 10-13°C".

Chi abita vicino al mare non perde tempo per godersi un po’ di sole in spiaggia. Un periodo di lavoro fuori stagione per diversi bagnini che hanno prolungato la loro attività. Purtroppo questo caldo anomalo è causato dalle concentrazioni di metano nell'atmosfera, con un aumento record mai visto.

Allarme delle Organizzazioni e degli ambientalisti

Secondo il segretario generale dell'Organizzazione meteorologica mondiale, Petteri Taalas, questi livelli di gas, anidride carbonica, metano e protossido di azoto, sono una cattiva notizia per il nostro pianeta e per la qualità dell’aria. Nono-stante le restrizioni dell’anno scorso non c’è stato alcun miglioramento e l'anidride carbonica nell'atmosfera persiste.

Secondo le previsioni dell'Agenzia meteorologica statale (AEMET), la Spagna sta affrontando un nuovo periodo di caldo anomalo e intenso. Non è escluso che questo mese sia in assoluto l’ottobre più caldo del paese. Per altri 15 giorni le condizioni meteo vedono sole e colonnina di mercurio sopra i 25 gradi.

Ormai queste ondate di calore sono diventate più frequenti e intense a causa dei cambiamenti climatici. La temperatura media superficiale della terra si è innalzata di circa 1,1 °C dall'inizio dell'era industriale e le temperature continueranno ad aumentare a meno che i governi di tutto il mondo non riducano drasticamente le emissioni di gas serra.