+Europa: voto su Rousseau insulto a presidente della Repubblica

Pol/Luc

Roma, 3 set. (askanews) - "Le 'consultazioni' on line del M5S sono un insulto al Presidente della Repubblica e uno schiaffo alla Costituzione, che assegna ai responsabili politici dei partiti, e ai gruppi parlamentari, la responsabilità delle decisioni sulla formazione del Governo". Lo dichiara Simona Viola, vicepresidente e membro della segreteria di +Europa.

"E' grottesco e imbarazzante - prosegue - che il partito di maggioranza relativa nel Paese, che ha raccolto il consenso di milioni di elettori, rimetta decisioni cruciali per la vita dell'intero Paese agli esiti di una procedura opaca, manipolativa e demagogica, che oltretutto si svolge su una piattaforma digitale privata che, come il garante privacy ha accertato e Casaleggio ha ammesso, non assicura la segretezza del voto e profila i partecipanti. E' imbarazzante - sottolinea Viola - la disinvoltura costituzionale del professor Conte giunta fino ad accettare che l'incarico presidenziale sia sottoposto al potere di veto di un gruppetto di militanti E' chiaro che occorre al più presto una legge attuativa dell'art. 47 della Costituzione, che riaffermi e regoli i principi della democrazia rappresentativa, la cui perdurante mancanza purtroppo concorre all'affermazione di prassi antidemocratiche e incostituzionali. Il M5S si deve rassegnare: l'Italia è un ordinamento liberale e una democrazia rappresentativa e il suo antiparlamentarismo, dal vincolo di mandato alle sovversive proposte ampliative degli strumenti di democrazia diretta, incontra ostacoli insormontabili nella Costituzione repubblicana. La Costituzione va studiata, capita e rispettata: inutile invocarla come la 'migliore del mondo' e poi - conclude la vicepresidente di Più Europa - calpestarla insieme allo stato di diritto".