Europarlamentare Lega accosta vaccino ai campi di sterminio. Auschwitz Memorial: "Declino morale e intellettuale"

·1 minuto per la lettura
Francesca Donato (Photo: Twitter)
Francesca Donato (Photo: Twitter)

“LA VACCINAZIONE RENDE LIBERI”. Ricorda qualcosa? (Ai più “sbadati” se serve agevolo traduzione in tedesco...)”. Un tweet quello di Francesca Donato, europarlamentare della Lega, che non è piaciuto a molti. Soprattutto all’Auschwitz Memorial che ha prontamente risposto.

L’europarlamentare non è nuova a tesi complottiste e teorie per la cura del Covid quantomeno bislacche, ma stavolta si è spinta oltre tirando in ballo il noto motto nazista. Tutto parte dalle dichiarazioni del direttore del dipartimento prevenzione dell’Azienda sanitaria di Trento che si dice soddisfatto del calo dei contagi e rivolgendosi ai sanitari che non si sono ancora vaccinati, fa un appello: “Vaccinatevi perché la vaccinazione rende liberi”.

Da qui l’allusione di Francesca Donato che ha ricevuto la piccata replica dell’Auschwitz Memorial che ha scritto: “Arbeit macht frei”, quelle parole sono diventate una delle icone dell’odio umano che ha portato a innumerevoli morti. La strumentalizzazione di questo simbolo per argomentare contro la vaccinazione che salva la vita umana, è un triste sintomo di declino morale e intellettuale”.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli