Europarlamento approva il regolamento sul fondo Recovery Rrf da 672 mld

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Bruxelles, 10 feb. (askanews) - La plenaria del Parlamento europeo ha approvato a larghissima maggioranza, con 582 voti contro 40 contrari e 69 astensioni, il regolamento sul, funzionamento, gli obiettivi, il finanziamento e le regole di accesso del dispositivo Ue per la ripresa e la resilienza ("Recovery and Resilience Facility, Rrf), mediante il quale verranno distribuiti agli Stati membri 672,5 miliardi di euro in sovvenzioni e prestiti, finanziati con emissione di bond sui mercati, per contenere le conseguenze economiche della pandemia di Covid-19. Il voto si è svolto ieri sera ma i risultati sono stati resi noti stamattina.

Il dispositivo Rrf è la componente principale del piano per la ripresa "Next Generation EU" da 750 miliardi di euro. I fondi Ue dovranno essere impiegati dagli Stati membri a sostegno della transizione verde, della trasformazione digitale, delle politiche a favore dei giovani, della preparazione alle crisi (resilienza) e delle riforme strutturali indicate nelle "Raccomandazioni specifiche per paese" per rafforzare l'economia. Il rispetto dello Stato di diritto da parte dello Stato beneficiario è una condizione indispensabile per ricevere i finanziamenti.

Il dispositivo Rrf potrà finanziare progetti iniziati dal primo febbraio 2020. I fondi saranno disponibili per tre anni e gli Stati membri possono richiedere fino al 13% di prefinanziamento per i loro piani nazionali di ripresa e resilienza (Pnrr).

Per essere ammissibili al finanziamento, i piani nazionali si devono incentrare su politiche chiave dell'Ue quali la transizione verde, compresa la biodiversità, la trasformazione digitale, la coesione economica e la competitività, nonché la coesione sociale e territoriale. Potranno essere finanziati anche i progetti che si concentrano sulla reazione delle istituzioni alle crisi e sulle modalità per aiutarle a prepararvisi, come anche le politiche a favore dei minori e dei giovani, la pubblica istruzione e lo sviluppo di competenze.

Ciascun piano nazionale deve destinare almeno il 37% del proprio bilancio al clima e almeno il 20% alle azioni digitali. I piani dovranno avere un impatto duraturo sia in termini sociali che economici, includere riforme complessive e un robusto pacchetto di investimenti e non dovranno danneggiare in modo significativo gli obiettivi ambientali.

E' previsto un meccanismo di dialogo e trasparenza che coinvolgerà il Parlamento europeo nel monitoraggio dell'attuazione del dispositivo Rrf, di cui è responsabile la Commissione, attraverso regolari audizioni ogni due mesi sullo stato della ripresa nell'Ue e delle modalità di realizzazione dei piani nazionali e dei loro obiettivi da parte degli Stati membri. La Commissione metterà a disposizione degli Stati membri un sistema integrato di informazione e monitoraggio per poter fornire informazioni comparabili su come vengono utilizzati i fondi.

Una volta che anche il Consiglio Ue lo avrà approvato formalmente, il regolamento Rrf entrerà in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Ue.