Europarlamento si schiera contro fake news e interferenze elezioni -4-

Red/Bea

Roma, 10 ott. (askanews) - Per far fronte alla situazione, il PE chiede che la task force East StratCom sia potenziata, divenga una struttura permanente e riceva una maggiore dotazione finanziaria. Si invitano inoltre i social media a cooperare nella lotta contro disinformazione, senza compromettere la libertà di espressione, mentre l'UE dovrebbe elaborare un quadro giuridico che possa far fronte alle minacce ibride (attacchi informatici e disinformazione).

L'UE si occupa attivamente di disinformazione dal 2015, da quando è stata istituita la Task Force East StratCom nell'ambito del Servizio europeo per l'azione esterna (SEAE), con l'obiettivo di comunicare correttamente le politiche e le decisioni dell'UE ai vicini Paesi orientali. Nell'ottobre 2018, prima delle elezioni europee, Facebook, Google, Twitter e Mozilla hanno aderito al Codice di condotta (dal 2019 anche Microsoft), accordandosi volontariamente su standard di autoregolamentazione per combattere la disinformazione. Nel dicembre 2018, la Commissione europea ha pubblicato un Piano d'Azione contro la Disinformazione.

Entro il 2020, saranno più di 50 le elezioni che si svolgeranno negli Stati membri, tra elezioni presidenziali, nazionali, locali o regionali.