Europei devono "smettere di essere ingenui" su difesa propri interessi - Macron

·1 minuto per la lettura
il presidente francese Emmanuel Macron all'Eliseo

PARIGI (Reuters) - L'Europa deve smettere di essere ingenua quando si tratta di difendere i propri interessi e costruire una capacità militare autonoma.

Lo ha detto oggi il presidente francese Emmanuel Macron, dopo aver concluso un accordo per la vendita di tre fregate alla Grecia, per una cifra vicina ai 3 miliardi di euro.

La Francia si è trovata coinvolta di recente in una crisi diplomatica senza precedenti con Stati Uniti, Regno Unito e Australia, riguardo a un accordo di sicurezza trilaterale che ha fatto saltare un affare multimiliardario per la vendita di sottomarini francesi a Canberra.

Questo scontro ha costretto Parigi a una riflessione sui suoi tradizionali rapporti di alleanza. Parlando per la prima volta in pubblico della questione, Macron ha sfruttato l'opportunità per invitare gli europei a cercare una maggiore indipendenza da Washington, le cui attenzioni sono sempre più rivolte alla Cina e all'area indo-pacifica.

"Gli europei devono smettere di essere ingenui. Quando siamo messi sotto pressione da parte di altre potenze, che alle volte inaspriscono le proprie posizioni, dobbiamo reagire e mostrare che abbiamo la forza e la capacità di difenderci. Non per peggiorare le cose, ma per proteggerci", ha detto Macron durante una conferenza stampa congiunta con il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis.

"Questa non è un'alternativa all'alleanza con gli Stati Uniti. Non è un surrogato, ma una presa di responsabilità del pilastro europeo all'interno della Nato, traendo come conclusione che siamo chiamati a prenderci cura della nostra protezione".

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli