Europei, lo scrittore Kureishi: "Ho tifato Azzurri, italiani hanno meritato questa vittoria"

·1 minuto per la lettura

Ha tifato Italia lo scrittore britannico Hanif Kureishi, noto sostenitore del Manchester United, ''ma non dell'Inghilterra''. All'Adnkronos dice di essere ''molto felice per la vittoria dell'Italia'' e che ''il popolo italiano se lo è proprio meritato''. Nato il 5 dicembre 1954 a Londra da padre pakistano e madre inglese, lo scrittore si dice anche ''molto orgoglioso dei calciatori italiani che si sono inginocchiati contro il razzismo'' perché oggi il ''movimento Black Lives Matter è sempre più importante''.

Come dimostrano anche i cori razzisti dei tifosi, Kureishi afferma che ''c'è tanto razzismo nel calcio, e anche nel calcio italiano, per cui inginocchiarsi è stato molto importante'' nel mezzo di ''un'epoca di razzismo totale come quella che stiamo vivendo''. Parlando dei calciatori, ricorda che ''la maggior parte di loro proviene da un ambiente povero, dalla classe operaia, sono di razza mista, quindi la loro lotta è la nostra lotta''.

Sul campo da calcio, per Kureishi l'Italia è stata ''probabilmente la squadra migliore del torneo, hanno una difesa impressionante''. Ma c'è dell'altro. Kureishi racconta della fidanzata Isabella e spiega che ''tifo Italia perché ho una famiglia italiana, la mia ragazza è italiana e la sua famiglia è molto simpatica'', spiega. Parlando della 'sua' Nazionale, ''penso anche che l'allenatore dell'Inghilterra abbia commesso molti molti errori. Hanno preso il comando della partita all'inizio e avrebbero dovuto segnare un altro gol, avrebbero dovuto consolidare il risultato invece di essere così sulla difensiva, ma questa è solo la mia visione dal divano''.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli