Europei: minacce a Morata, 'hanno augurato al morte a me e ai miei figli'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Romsa, 25 giu. (Adnkronos) – "Ho passato 9 ore senza dormire dopo la partita contro la Polonia. Ho ricevuto minacce, insulti verso la mia famiglia, persone che speravano che i miei figli morissero". Queste le parole di Alvaro Morata, attaccante della Spagna e della Juventus, in seguito alla deludente prestazione sua e della Spagna contro la Polonia a Euro 2020. "Forse non ho fatto il mio lavoro come avrei dovuto e capisco le critiche per non aver segnato, ma vorrei che le persone si mettessero nei miei panni e immaginassero cosa significa ricevere minacce e sentire qualcuno che spera che i tuoi figli muoiano – prosegue Morata -. Ogni volta che entro in una stanza, sposto il telefono altrove. Ma lo dicono comunque a mia moglie, o ai miei bambini".

Lo stesso Morata, qualche ora prima di queste dichiarazioni, aveva reagito con stizza e un certo fastidio ai fischi e alle annotazioni più che colorite, a cui aveva replicato in modo seccato: "Tutto quello che ho detto. non l’ho detto con arroganza, ma erano parole frutto della rabbia. Io do sempre la vita per la Spagna e non capisco perché i tifosi se la prendano se dico che parlare è gratis – conclude l'attaccante della Roja -. Se avessi detto che siamo i migliori e vinceremo gli Europei sarebbe stato meglio? Tutto ciò che dico o non dico viene interpretato. Capisco le critiche ma c’è un limite a tutto".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli