Eurovision: M5s, 'candidatura Milano condivisibile, ma sostegni a tutto il settore'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 24 mag.(Adnkronos) – La proposta di candidare la città di Milano per ospitare la finale della prossima edizione dell'Eurovision song contest, dopo la vittoria dei Maneskin, è accolta con favore dal M5s della Lombardia che, attraverso le parole di Monica Forte, consigliera pentastellata al Pirellone, la definisce "interessante e condivisibile". Tuttavia l’iniziativa dovrebbe andare di pari passo con interventi rapidi per tutti i soggetti che operano nell'ambito culturale: "La cultura -spiega Forte- non è fatta soltanto da grandi eventi". E "Regione Lombardia deve investire molto di più in eventi culturali e con maggiore tempestività".

Il piano operativo annuale per la cultura, in discussione in queste settimane a palazzo Pirelli, "è rimasto fermo per troppo tempo". Questo è "lo strumento principale per la politica regionale in materia di cultura: le risorse destinate dalla Giunta Fontana a questo settore, uno dei più piegati dalla pandemia, non sono a mio parere sufficienti nonostante gli ampi margini di rilancio dell'intero comparto", sottolinea Forte, aggiungendo: "Non bisogna rimanere ancorati solo agli eventi del momento, servono misure solide per sviluppare un settore dalle enormi potenzialità che merita sostegno e appoggio nel segno di una ricrescita e soprattutto di uno sviluppo diffuso e strutturale della cultura in ogni sua forma espressiva. Solo così Milano può diventare un esempio per l’Italia e per l’Europa".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli