Eurovision Song Contest, Diodato primo ospite a Torino

·1 minuto per la lettura
Eurovision Diodato
Eurovision Diodato

Manca sempre meno all’Eurovision Song Contest e il quadro inizia pian piano a completarsi. Nel corso dell’edizione serale del Tg1 di mercoledì 20 aprile è stato annunciato un importante ospite che vedremo sul palco della kermesse europea. Si tratta di Diodato che proporrà per l’occasione una nuova versione di “Fai Rumore”, brano che trionfò a Sanremo 2020.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Diodato (@diodatomusic)

Eurovision, Diodato parteciperà come ospite

L’arrivo di Diodato sul prestigioso palco dell’Eurovision Song Contest è stato in parte atteso e dovuto. Il cantautore trionfò a Sanremo nel 2020 anno che, come tutti sappiamo, è stato nefasto a causa della pandemia. L’artista che avrebbe dovuto gareggiare nell’edizione di quell’anno ha intonato in un’Arena di Verona completamente vuota e deserta “Fai Rumore” in occasione dello show “Europe Shine a Light”. Ecco che l’arrivo di Diodato in questo contesto va a simboleggiare una ripartenza a lungo desiderata. “Siamo in tanti italiani quest’anno ed è bello che la musica italiana stia viaggiando tanto in giro per il mondo e sono felice di far parte di questo flusso musicale”, ha affermato.

Su Instagram ha poi scritto: C’è una canzone che dobbiamo cantare tutti insieme da un po’ di tempo. È partita dal palco di Sanremo, passata per l’Arena di Verona, per tanti teatri e luoghi bellissimi e ora, finalmente, arriverà anche su quel palco”.

Eurovision Song Contest: “Meglio tardi che mai”

A commentare questo importantissimo traguardo raggiunto da Diodato è stato lo stesso Eurovision. Su Instagram si legge: “Meglio tardi che mai! Diodato si esibirà finalmente sul palco dell’Eurovision il prossimo mese ed è stato confermato come uno degli ospiti degli interval acts della prima semifinale”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli