Eurovision, standing ovation per ucraini Kalush Orchestra

featured 1606708
featured 1606708

Torino, 11 mag. (askanews) – Prima serata di Eurovision Song Contest 2022 all’insegna dell’Ucraina con la standing ovation per la band di Kiev Kalush Orchestra che ha conquistato col brano Stefania il passaggio alla finale insieme ai rappresentanti di altri nove paesi.

Anche tra il pubblico accorso numeroso a Torino ovviamente si parla di guerra come racconta Grazia.

Purtroppo guerre ce ne sono ovunque sempre ed è giusto andare avanti, ma questo non vuol dire che non siamo vicini al popolo ucraino e non siamo preoccupati per la guerra che potrebbe esserci anche qua.

Ci sono fan da tutta Europa e l’emozione è palese per i giovani ucraini come Valentina che avvolta nella bandiera del suo paese da coraggio ai sui connazionali

“Diciamo che è un po’ una distrazione e magari diventeremo un po’ più coraggiosi, per dare coraggio e dire che nonostante la guerra cerchiamo di essere ottimisti e positivi e tifiamo che vinca”.

Un ritorno ai grandi eventi dopo lo stop legato alla pandemia che riporta al centro la musica senza dimenticare quello che è successo. Diodato, vincitore di Sanremo che però non ha potuto gareggiare a Eurovision, sul palco di Torino ha eseguito la sua “Fai rumore” con una coreografia mozzafiato che ha ricordato la bellezza di tornare ad abbarcciarsi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli