Eutanasia, in Belgio passi avanti per estenderla a bimbi malati

BRUXELLES (Reuters) - Il Belgio oggi ha compiuto un significativo passo verso l'introduzione dell'eutanasia anche per i bambini malati terminali, rompendo un tabù quasi universale, con il voto a larga maggioranza di una commissione parlamentare. La legge, che deve essere approvata in Parlamento - ma che secondo gli osservatori comunque passerà - farebbe del Belgio il primo paese al mondo a consentire la procedura senza limite d'età. In ogni caso dovranno essere i genitori ad approvare l'eutanasia. E uno psicologo a valutare la reale capacità del bambino di scegliere la morte. "E' un passo importante, non soltanto per i minori stessi, ma anche per i medici che hanno a che fare con questo tipo di situazioni", ha detto il senatore Jean-Jacques De Gucht dei liberali fiamminghi, uno dei sostenitori della legge. Nei vicini Paesi Bassi, l'eutanasia è già consentita a partire dai 12 anni d'età, anche se dal 2002 sono stati registrati solo cinque casi. La questione sta dividendo la maggioranza di governo in Belgio, perché i socialisti sono favorevoli - sostenuti dai liberali e dai verdi, all'opposizione - mentre i cristiano democratici hanno votato contro. (Robert-Jan Bartunek) Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli