Eutanasia, Binetti (Udc): 5S-Lega condannano Parlamento a immobilismo

Luc

Roma, 31 lug. (askanews) - "Movimento Cinque stelle e Lega, sul fine-vita, condannano il Parlamento all'immobilismo legislativo. Bisogna dire no al suicidio assistito e sì alle cure palliative. La vita è un bene troppo prezioso per lasciarla alla merce dei due litiganti cronici. Che sia il disabile grave o il migrante, 5S e Lega sono uniti nel dire NO alla vita. E' uno dei momenti più bui della nostra Repubblica". Così la senatrice Udc Paola Binetti.

"Tutto è rimandato a settembre con il rischio tutt'altro che remoto che a questo punto sia la Corte a sostituirsi al parlamento e sia lei a deliberare in una materia così delicata. Il comitato ristretto delle commissioni Giustizia e Affari sociali della Camera, complice l'atteggiamento di alcune forze di opposizione come il Pd, non è riuscito a trovare la formula giusta per dire contemporaneamente No al suicidio assistito, Si alle cure palliative. Non si tratta tanto di condannare chi aiuta il suicida a suicidarsi, ma piuttosto di sostituire alla drammatica solitudine del suicida una solidarietà personale, fatta di cure contro il dolore", conclude.