Eutanasia, chiusa campagna referendaria, raccolte 1.214mila firme

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 5 ott. (askanews) - Si è chiusa oggi a Milano con l'annuncio di un milione e 214mila firme raccolte la campagna di raccolta firme per il Referendum sull'eutanasia legale, promossa da numerose organizzazioni e partiti, tra cui l'Associazione Luca Coscioni. Alla campagna hanno partecipato circa tredicimila volontari, in seimila tavoli di raccolta in oltre mille comuni italiani.

Due terzi delle firme sono state raccolte fisicamente su carta in tutte le province italiane, grazie a una rete di 13.000 volontari, ma "è anche stata la prima campagna al mondo a beneficiare della della firma digitale".

"Finalmente a primavera il popolo italiano potrà scegliere tra l'eutanasia clandestina, che c'è già, e l'eutanasia legale, fatta di regole, responsabiltà e conoscenza", ha commentato Marco Cappato, tesoriere dell'Associazione presentando a Milano i dati della campagna e i prossimi passi verso il referendum: venerdì 8 ottobre le firme verranno consegnate alla Corte di Cassazione, che effettuerà il conteggio. Poi ci sarà il giudizio di ammissibilità della Corte Costituzionale, prevista entro metà gennaio. Il referendum dovrebbe poi tenersi tra il 15 aprile e il 15 giugno.

Una partecipazione che gli organizzatori definiscono "da record", e che dimostra, ha osservato Marco Cappato, tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni, come il "non dover subire una sofferenza contro la propria volontà è una questione avvertita come importante, fa parte del vissuto delle persone. Purtroppo la politica dei partiti ancora non si è resa conto di questa esigenza".

Cappato ha quindi sottolineato l'importanza dell'utilizzo per la prima volta della firma digitale: è il primo referendum al mondo con valore legalmente vincolante ad essere proposto "online", ha spiegato Cappato, "grazie all'innovazione strappata con una lunga campagna condotta da Mario Staderini, passata dalle condanne dell'Italia da parte della Commissione diritti umani delle Nazioni Unite e dall'azione del co-Presidente dell'associazione Luca Coscioni Marco Gentili, e tradotte nell'emendamento di Riccardo Magi approvato dal Parlamento. L'Associazione Luca Coscioni si è fatto carico del costo della firma digitale impegnandosi alla spesa di un totale di circa un milione di euro, finora parzialmente coperti da donazioni volontarie dei firmatari per un totale di 485.000 euro".

Il deposito del referendum arriva a 15 anni dalla lettera di Piergiorgio Welby al Presidente Giorgio Napolitano, a 8 anni dal deposito della legge di iniziativa popolare, a 3 anni dal primo invito della Corte costituzionale al Parlamento per una legge sul suicidio assistito.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli