Eutanasia: Magi, 'ora partiti siano responsabili o c'è referendum'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 6 lug (Adnkronos) – "Il testo base che abbiamo appena approvato in commissione è un segnale di vita del Parlamento su un tema rimosso dal dibattito politico eppure centrale nella vita di tante persone e di tante famiglie”. Lo dice il deputato di Più Europa Riccardo Magi al termine dei lavori delle Commissioni congiunte Giustizia e Affari sociali.

“Ricordo che tra i testi abbinati nell’esame che ha portato oggi a questo passo c’è la legge di iniziativa popolare che depositammo nel 2013 con oltre 60 mila firme di cittadini -prosegue-. Sono trascorsi otto anni nei quali la distanza tra le esigenze di libertà dei cittadini e l’immobilismo del legislatore è cresciuta e il Parlamento non ha risposto neanche all'appello della Consulta".

"Ora i gruppi parlamentari siano responsabili di fronte al Paese e consentano un dibattito vero in commissione e un iter rapido della legge. Se non dovesse essere così ci sarà il referendum che consentirà ai cittadini di intervenire direttamente”, conclude Magi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli