Evade oltre 80 milioni, sanzionata azienda di lavorazione carni

Cro/Ska

Roma, 5 mar. (askanews) - Una complessa attività di verifica svolta nei confronti di una società di rilevanti dimensioni che opera a livello nazionale nel settore della lavorazione delle carni e del suo socio di maggioranza ha consentito ai militari del Comando Provinciale di Modena di accertare una base imponibile sottratta a tassazione ai fini delle imposte sui redditi per oltre 80 milioni di euro ed un'IVA evasa per quasi 8 milioni di euro.

In particolare, le attività ispettive condotte dai finanzieri del Nucleo polizia economico-finanziaria di Modena hanno consentito di accertare due condotte fraudolente distinte. La prima è emersa a seguito del confronto tra alcuni documenti informatici extracontabili, redatti dalla società ed acquisiti all'avvio della verifica, e la contabilità ufficiale della società, dal quale sono scaturite sostanziali difformità tra le quantità di prodotti lavorati esposti nelle scritture di magazzino obbligatorie tenute dalla società e quelle evidenziate nei prospetti riferibili alle quantità lavorate dalle cooperative utilizzate negli stabilimenti.

Tale differenza è stata ritenuta riconducibile a prodotto finito o semilavorato ceduto "in nero", con la conseguente omessa dichiarazione di rilevanti elementi positivi di reddito. La seconda condotta è scaturita da una segnalazione della Direzione Territoriale del Lavoro di Modena a seguito di accertamenti in materia di lavoro e di legislazione sociale svolti nei confronti della verificata inerenti il periodo 2012-2016.

A questo riguardo, le Fiamme Gialle modenesi hanno accertato che la società ha indebitamente erogato, nei confronti di alcuni dipendenti assunti quali "autisti", somme relative a indennità di "trasferte Italia" per un importo poco superiore ai 184mila euro non assoggettandole alle prescritte ritenute previdenziali e assistenziali mentre le attività svolte in realtà erano riconducibili ad ordinarie prestazioni lavorative da assoggettare a dette ritenute per un importo pari a 67 mila euro.

Complessivamente, le attività di verifica sono state concluse con la segnalazione alla Direzione Regionale dell'Agenzia di Entrate di Bologna di elementi positivi di reddito non dichiarati per oltre 78 milioni di euro, un'IVA evasa pari a quasi 8 milioni di euro e ritenute non operate per 67 mila euro.

Inoltre i rappresentanti legali della società sono stati segnalati all'A.G. modenese, per l'ipotesi di reato di infedele dichiarazione ex art. 4 del D.lgs.74/2000. Successivamente, è stata anche svolta una ulteriore attività ispettiva nei confronti del socio con partecipazione "qualificata" della società precedentemente verificata, da considerarsi caratterizzata dalla c.d. "ristretta base partecipativa" (azionaria e familiare).

A conclusione della verifica è stata segnalata all'Agenzia delle Entrate di Modena l'omessa dichiarazione di redditi di capitale per un importo di oltre 2 milioni di euro da parte delsocio, con residenza in Montecarlo, il quale è stato segnalato alla locale A.G. per il reato di infedele dichiarazione.

A seguito delle comunicazioni di notizia di reato redatte, la locale Procura della Repubblica nella persona del Proc. Agg. Dott. Giuseppe Di Giorgio, condividendo pienamente gli esiti delle attività svolte dalle Fiamme Gialle di Modena, ha richiesto ed ottenuto dal G.I.P. del Tribunale di Modena l'emissione di un Decreto di sequestro preventivo finalizzato ad assicurare il provento del reato di evasione accertato. Sulla scorta del dispositivo magistratuale i Finanzieri hanno provveduto, quindi, a sottoporre a sequestro n.10 beni immobili, tra fabbricati e terreni, n. 7 autoveicoli, tra i quali due prestigiose Ferrari d'epoca, n. 2 motoveicoli e quote societarie per un controvalore di 16 milioni di euro.

Il sequestro preventivo è stato, successivamente, confermato anche dal Tribunale del Riesame di Modena, avvalorando la bontà del lavoro svolto dai militari della Guardia di Finanza di Modena.

L'attività di servizio costituisce efficace concretizzazione della quotidiana azione realizzata dalla Guardia di Finanza, unico organo di polizia giudiziaria ed economico-finanziaria con competenze specialistiche in campo tributario, a contrasto dei fenomeni di evasione fiscale internazionale e di pianificazione fiscale aggressiva, nel perseguimento dell'obiettivo di ripristinare le necessarie condizioni di giustizia e solidarietà tra Stato e cittadini e di tutela della collettività, evitando il prodursi degli effetti dannosi tipici dell'evasione in termini di alterazione della normale concorrenza tra le imprese e di maggior carico fiscale per i cittadini onesti.