Evento sismico a Verona, per il momento nessun danno

·2 minuto per la lettura
Terremoto in provincia di Verona, due scosse di 3,4 e 4,4 gradi
Terremoto in provincia di Verona, due scosse di 3,4 e 4,4 gradi

Paura in provincia di Verona, dove nel primo pomeriggio del 29 dicembre una scossa di terremoto di 3,4 gradi della scala Richter è stata registrata a circa 11 chilometri dal capoluogo scaligero, nei pressi del comune di Salizzole. Il sisma è avvenuto a poche ore dal devastante terremoto che ha colpito la Croazia, e che ha distrutto diversi edifici nella città di Petrinja. Alla prima scossa di 3,4 gradi ne è seguita una seconda di 4,4 gradi della scala Richter.

La seconda scossa delle 15:36

Circa un’ora e mezza dopo la prima scossa di 3,4 gradi, una seconda ha colpito la provincia di Verona con un’intensità di 4,4 gradi della scala Richter. Anche in questo caso l’epicentro del sisma è situato nel comune di Salizzole.

Terremoto in provincia di Verona

Secondo quanto riportato dagli esperti dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, la scossa è avvenuta alle 14:02 con epicentro a due chilometri a ovest del comune di Salizzole, nel veronese, mentre l’ipocentro è stato individuato a circa 11 chilometri di profondità nel sottosuolo. Un sisma di magnitudo 3,4 viene classificato come “molto leggero”, sicuramente avvertito dalla popolazione locale ma senza provocare danneggiamenti o feriti.

I cittadini del veronese aveva peraltro già avvertito poco tempo prima anche la scossa di terremoto che ha colpito la Croazia subito dopo mezzogiorno, e che ha causato la distruzione del centro di Petrinja. In quel caso il sisma – avvertito anche in altre zone d’Italia fino a Roma – aveva una magnitudo di 6,4 gradi della scala Richter, anche se fortunatamente per il momento non sembrano essersi registrati morti o feriti.