Evergrande, governo ordina a autorità locali di prepararsi a crac

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 23 set. (askanews) - Le autorità cinesi stanno chiedendo agli enti locali di prepararsi all'eventuale crac di China Evergrande, il gigante dello sviluppo immobiliare a rischio default sotto il peso di un gigantesco indebitamento e di una carenza di liquidità. Lo scrive oggi il Wall Street Journal, che ha potuto interpellare funzionari informati su quello che sta accadendo.

Il governo cinese non sembra intenzionato a salvare Evergrande, che ha in pancia un debito da circa 2mila miliardi di yuan (262,6 miliardi di euro), ma sa che in caso di crac ci sarà da affrontare una pensate ricaduta che va oltre i 200mila posati di lavoro a rischio e i risparmi di 80mila piccoli inv estitori che da settimane manifestano e protestano davanti alla sede della compagnia fondata da Hui Ka Yan (Xu Jiayin).

Secondo in funzionari interpellati dal WSJ, Pechino sta ordinando di "essere pronti alla possibile tempesta" e di intervenire nella gestione della crisi solo all'ultimo momento, nel caso in cui Evergrande dovesse non riuscire a gestire il crac in maniera ordinata.

Compito dei governi locali sarà evitare le rivolte, mitigare le conseguenze per coloro che avevano acquistato case e per le economie locali, intervenendo sulla perdita di posti di lavoro se dovessero esservene.

Evergrande nelle prossime settimane si troverà ad affrontare una serie di scadenze di cedole, come quella che aveva oggi, che potrebbero portare al default. Ai governi locali è stato ordinato di creare gruppi di contabili e di esperti legali per esaminare le finanze relative a Evergrande nelle rispettive zone di competenza. Inoltre dovranno prepararsi a prendere in carico i progetti immobiliari che dovessero saltare e a mobilitare le forze dell'ordine in caso di "incidenti di massa", che nelle formulazioni ufficiali cinesi indicano eventuali rivolte.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli