Evi (M5s): no ai condannati ai vertici delle istituzioni europee

Pol/Luc

Roma, 17 dic. (askanews) - "Gli europarlamentari di Salvini e Meloni non si smentiscono mai e al Parlamento europeo hanno proposto per la nomina di Mediatore europeo Giuseppe Fortunato, un ex politico della Prima Repubblica, condannato con sentenza definitiva per rivelazione del segreto d'ufficio. Come può un politico difendere davvero i cittadini se ha infranto la legge? Questa nomina è una vergogna". Così in una nota l'europarlamentare del Movimento 5 Stelle Eleonora Evi.

"Il ruolo del Mediatore europeo è fondamentale per il buon funzionamento della macchina europea: indaga sulle denunce relative a casi di cattiva amministrazione da parte delle Istituzioni e sui casi di discriminazione, abuso di potere, ritardi ingiustificati o irregolarità amministrative. È anche grazie al lavoro del Mediatore europeo che oggi il tedesco Martin Selmayr non spadroneggia più in Commissione europea e che è stato scoperchiato il caso Barroso, l'ex presidente della Commissione europea che oggi lavora per la grande banca d'affari Goldman Sachs, un caso enorme di porte girevoli", aggiunge Evi.

"Nel 2005 il Movimento 5 Stelle aveva già denunciato sul blog il fatto che Giuseppe Fortunato era stato nominato membro dell'Autorità garante per la privacy. Dopo quella nomina calata dall'alto, Salvini e Meloni ci riprovano e dimostrano ancora una volta di voler cambiare l'Europa in peggio. Noi non glielo permetteremo e siamo sicuri che tutto il Parlamento europeo rigetterà questa nomina che discredita l'Italia. Il Movimento 5 Stelle è al lavoro per mettere l'Europa al servizio dei cittadini e garantire per tutti trasparenza e onestà, valori che dovrebbero essere l'ABC della politica", conclude Evi.