Ex gieffina all'attacco dell'ex marito: c'entrano i figli

·2 minuto per la lettura
guendalina-tavassi-umberto
guendalina-tavassi-umberto

Guendalina Tavassi sbotta su Instagram contro l’ex marito Umberto D’Aponte e lo accusa pesantemente di voler sfruttare i loro figli solo per riuscire a guadagnare più follower.

Guendalina Tavassi, stories contro l’ex Umberto: c’entrano i figli

Nel corso della mattinata di lunedì 30 agosto, l’ex marito di Guandalina Tavassi, Umberto D’Aponte, ha scelto di pubblicare una chat fatta insieme alla figlia più grande della coppia, Chloe. Nella conversazione con il papà, la bambina si è lasciata andare a parole d’amore e affetto verso il genitore, confessando anche una forte macanza quando non è con lei.

Il messaggio è stato pubblicato nelle storie Instagram di Umberto che si è mostrato molto commosso dalle parole della figlia.

Guendalina Tavassi, dopo le parole di Umberto sbotta su Instagram

Dopo la fine del loro matrimonio, l’ex gieffina ha sempre preferito sorvolare sui social riguardo alla situazione con Umberto. Probabilmente anche, e soprattutto, per difendere i due figli minori avuti durante il corso della relazione.

Ma, dopo la pubblicazione delle stories da parte di Umberto, la Tavassi si è sentita in obbligo di chiarire il punto e di non mandarle a dire all’ex marito.

Nella tarda serata di lunedì 30 agosto, anche Guendalina ha voluto esprimere la sua opinione riguardo a ciò che aveva poco prima pubblicato Umberto sui social. Un durissimo attacco contro l’ex che è sfociato in un vero e proprio elenco di mancanze e superficialità da parte dell’uomo.

Le storie di Guendalina Tavassi contro Umberto

Se in un primo momento Guendalina si è limitata a dire che alcune persone dovrebbero risparmiarsi di dire alcune “cavolate“. Ma, una volta lontana dai due figli, la Tavassi ha deciso di non mandarle a dire ad Umberto.

Io non voglio creare guerre sui social, non l’ho mai fatto e per questo mi prendo insulti e cattiverie gratuitamente” – ha affermato nelle storie Guendalina.

Però mi sono rotta di vedere gente che utilizza e sfrutta i figli solo per fare i follower e la vittima su Instragram. Se uno deve fare il padre e il genitore lo facesse, senza scrivere stron**te o piangere, o far finta di essere quello che poi realmente non si è“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli