Ex Ilva, FdI: Conte e Patuanelli subito in Parlamento

Pol/Vlm

Roma, 4 nov. (askanews) - "Il presidente Conte e il ministro Patuanelli riferiscano immediatamente in Parlamento sulla situazione dell'ex Ilva di Taranto dopo la decisione di ArcelorMittal di recedere dal contratto. Taranto e l'Italia a causa dell'incapacità di questo governo e dell'assenza di una seria politica industriale rischiano di perdere un pezzo importante dell'acciaieria italiana. Il M5S aveva annunciato in campagna elettorale di voler chiudere l'Ilva e purtroppo sta riuscendo nel suo folle progetto. E FdI aveva denunciato in Parlamento nel corso dell'esame del decreto 'Salva imprese', che noi subito avevamo ribattezzato 'Ammazza imprese' (nomen-omen) proprio perché prevedevamo le conseguenze nefaste, che il continuo cambiamento di opinione sulle garanzie penali per Arcelor, con norme scritte, cancellate, riscritte e poi di nuovo cancellate, non avrebbe fatto altro che creare le condizioni per la fuga dell'Azienda dall'Italia". Lo dichiarano i capigruppo di Senato e Camera di Fratelli d'Italia, Luca Ciriani e Francesco Lollobrigida.

"Questo governo si conferma nemico delle imprese ma soprattutto del Sud, ragionando soltanto in termini di assistenzialismo, vedi il reddito di cittadinanza. Il Mezzogiorno e più in generale l'Italia hanno, invece, bisogno di una seria politica fiscale che attragga investimenti e capitali, sostenendo imprenditori e famiglie. La prima occasione sarà la legge di Bilancio; daremo perciò battaglia in Parlamento per cambiare questa manovra, che risponde soltanto alla logica dello 'spremi&tassa'", conclude.