Ex Ilva, legale Amara: "Non c'è la corruzione e mancano le esigenze cautelari"

·1 minuto per la lettura

''Il reato non c'è perché ritengo che non ci sia la corruzione. Circa le utilità, si afferma che ci sia stato un interessamento per la nomina di Capristo a Taranto ma non è Amara che fa le nomine, è il Csm. Inoltre Amara non ha ricevuto nulla da Capristo, i suoi incarichi rientrano nella sua attività professionale''. Così all'Adnkronos l'avvocato di Piero Amara, Salvino Mondello, sull'arresto per corruzione in atti giudiziari per vicende legate all'Eni e all'ex Ilva quando Capristo era procuratore prima di Trani e poi di Taranto. Inoltre per il difensore ''le esigenze cautelari sono inesistenti perché non concrete né attuali''. Domani, al carcere di Potenza, a mezzogiorno è in programma l'interrogatorio di garanzia.