Ex Ilva, Renzi: "Governo tolga ogni alibi ad azienda"

webinfo@adnkronos.com

"Il governo deve da subito togliere alla proprietà ogni alibi eliminando gli autogol come quello sulla immunità voluto dal vecchio governo e sul quale avevamo messo in guardia il Ministro Patuanelli". Lo scrive Matteo Renzi, su Facebook, in relazione alla vicenda Ex Ilva: ArcelorMittal è pronta a lasciare.  

"Per chi in queste ore fa una polemica meschina e mediocre: lo scudo penale è stato cancellato dall’esecutivo Lega-Cinque Stelle. Ma noi vogliamo soluzioni, non capri espiatori", aggiunge il leader di Italia Viva.  

"Indipendentemente dagli alibi, Taranto ha bisogno di un futuro e il futuro passa anche dall’acciaio. Ho firmato numerosi decreti per tenere aperta Ilva, mi sono preso" accuse "di assassino da alcuni ex compagni di partito, ho subito contestazioni pesantissime. Rifarei tutto. Perché oggi il piano di risanamento c’è. E Taranto non può fare a meno dell’Ilva. Quello dell’immunità è un alibi che va tolto dal tavolo subito", aggiunge. "Tutti, Governo e proprietà, devono mantenere gli impegni. I cittadini di Taranto lo hanno fatto. I lavoratori dell’Ilva lo hanno fatto. Adesso tocca a Governo e Mittal: non si scherza con il lavoro delle persone", conclude.  

  • Cdm impugna legge medicina a Treviso, Zaia: fulmine a ciel sereno
    Politica
    Askanews

    Cdm impugna legge medicina a Treviso, Zaia: fulmine a ciel sereno

    "Ho contattato il ministro Boccia"

  • Stash diventa papà, l'annuncio di Maria De Filippi
    Spettacolo
    notizie.it

    Stash diventa papà, l'annuncio di Maria De Filippi

    Nel corso dell'ultima puntata di Amici Special, Maria De Filippi ha annunciato la futura paternità di Stash, il frontman dei The Kolors.

  • Individuato l'anticorpo che blocca l'infiammazione del Covid
    Salute
    AGI

    Individuato l'anticorpo che blocca l'infiammazione del Covid

    AGI - Individuato il target terapeutico per contrastare lo stato infiammatorio che si accompagna alla progressione del Covid-19. Si tratta di un anticorpo monoclonale già conosciuto che è in grado di bloccare la reazione infiammatoria indotta dall'infezione.Lo documenta lo studio condotto dai ricercatori dell'Università di Firenze su 30 pazienti dell'Azienda ospedaliero-universitaria Careggi sui quali è stata testata con successo la terapia che permette di regolare la risposta del sistema immunitario all'aggressione del virus.I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Journal of Clinical Investigation. Il team tutto fiorentino - composto dai ricercatori Unifi e dell'Aou Careggi - ha osservato nel sangue dei pazienti affetti da Covid-19 la diminuzione e l'alterazione nel funzionamento di un gruppo di cellule del sistema immunitario, causate dall'incremento dello stato infiammatorio che si associa alla progressione della malattia. “L'infezione del virus SARS-CoV-2, causa dell'insorgenza della malattia Covid-19, può decorrere asintomatica così come provocare vari gradi di polmonite, che possono richiedere anche supporto meccanico alla respirazione - spiega Francesco Annunziato, responsabile dello studio e docente di Patologia generale dell'Ateneo fiorentino -. La risposta immunitaria ha un ruolo cruciale nel combattere l'infezione virale, tuttavia, se è incontrollata, in alcuni casi può essere essa stessa causa di danno e portare allo sviluppo di una malattia acuta da distress respiratorio”. Nello studio sono stati reclutati 30 pazienti ricoverati presso l'Aou Careggi, a vari stadi della malattia. “Abbiamo osservato che nel sangue periferico dei pazienti affetti da Covid-19 ci sono ridotti livelli di tre sottopopolazioni di linfociti, i linfociti T e B e le cellule Natural Killer - prosegue il ricercatore -. Oltre a una riduzione numerica, queste cellule del sistema immunitario mostrano una capacità ridotta di produrre molecole ad azione antivirale, ancora inferiore nei pazienti che richiedono ricovero in terapia intensiva. Inoltre, il peggioramento della malattia è associato all'incremento della presenza nel sangue di IL-6, una proteina responsabile della ridotta funzionalità delle cellule Natural Killer”.Applicando una terapia basata sull'uso di un anticorpo monoclonale (già utilizzato per il trattamento dell'artrite reumatoide moderata-grave, dell'artrite idiopatica giovanile sistemica, della poliartrite idiopatica giovanile e per la sindrome da rilascio di citochine indotta dai linfociti CAR-T), i ricercatori sono riusciti a neutralizzare l'azione infiammatoria di IL-6 e a ripristinare alcune funzionalità delle cellule Natural Killer. “Un risultato - conclude Annunziato - che va nella direzione di aiutare il nostro sistema immunitario a rispondere con maggiore efficacia all'aggressione del SARS-CoV-2”.

  • De Luca contro Report: "Doppia querela"
    Notizie
    Adnkronos

    De Luca contro Report: "Doppia querela"

    "Non perderemo tempo nei confronti di protagonisti campagne di aggressioni mediatiche. Zitti zitti, in questi due mesi e mezzo abbiamo già fatto come Regione Campania 6 querele per diffamazione. Lunedì scorso vi è stata un'altra trasmissionaccia per la quale le nostre querele arriveranno a 8, ne faremo altre 2". Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, con riferimento alla trasmissione 'Report' di Rai3, senza nominarla nel corso della sua diretta social del venerdì pomeriggio.  "Quando vediamo qualche porcheria sugli organi di stampa e di informazione - ha spiegato De Luca - un minuto dopo arriva la querela per diffamazione, ma in silenzio, senza fare pubblicità gratuita a nessuno. Lunedì scorso vi è stata un'altra trasmissionaccia per la quale le nostre querele arriveranno a 8, ne faremo altre 2 in relazione a quella vergognosa campagna di aggressione mediatica su una rete della tv pubblica, con dei falsi vergognosi e clamorosi. Una doppia denuncia, perché in quel caso andremo sul piano penale ma anche sul piano civile, cioè del risarcimento". De Luca ha aggiunto che "in ogni paese civile del mondo un sedicente giornalista che dà una notizia clamorosamente falsa rispetto a un'Asl verrebbe licenziato dopo 5 minuti. In Italia viviamo in un contesto da circo equestre, per cui ognuno pensa di fare quello che vuole. Siamo un Paese nel quale si confonde per giornalismo d'inchiesta quello che in altri Paesi si chiama violenza privata o semplicemente cafoneria. Tra l'altro - ha concluso - lunedì sera in contemporanea c'era il film 'L'ultimo samurai' con Tom Cruise: come si fa a essere così masochisti da vedere quella trasmissionaccia invece di un film meraviglioso e coinvolgente? Vale per il futuro, non siate depravati da perdervi con le scemenze".

  • Morgan confessa l'uso di droghe e scoppia a piangere
    Spettacolo
    DonneMagazine

    Morgan confessa l'uso di droghe e scoppia a piangere

    Morgan è scoppiato in lacrime e ha confessato di essere piombato di nuovo in una spirale autodistruttiva legata alle dipendenze.

  • Esclusivo - Arresto Torzi, estorsione da 15 milioni alla Segreteria di Stato
    Notizie
    Adnkronos

    Esclusivo - Arresto Torzi, estorsione da 15 milioni alla Segreteria di Stato

    Estorsione da 15 milioni al Vaticano. E’ l’inquietante ipotesi che emerge dall’inchiesta di Oltretevere che ha portato oggi all’arresto di Gianluigi Torzi nell’ambito delle indagini sull’acquisto del palazzo di Sloane Avenue a Londra da parte della Santa Sede. Torzi, imprenditore molisano, stando alle ricostruzioni dell'accusa sarebbe entrato in contatto con la Segreteria di Stato per aiutarla a risolvere l’impasse della partecipazione al fondo Athena di Raffaele Mincione, partecipazione finanziata con i soldi dell’Obolo di San Pietro - destinati ai poveri - e costata alle casse vaticane - sempre secondo quanto ricostruito dagli inquirenti - perdite per svariati milioni di euro. Il broker ora agli arresti, però, stando alle accuse si sarebbe ben presto trasformato nell’uomo in grado di tenere in pugno la segreteria di Stato fino a portare a compimento una estorsione di 15 milioni. A mettere Torzi nelle condizioni di portare a segno un’estorsione al Vaticano è la truffa che, sempre secondo gli investigatori, l’imprenditore avrebbe commesso ai danni della Segreteria di Stato. In particolare, a quanto apprende l’Adnkronos, Torzi, che con la sua Gutt Sa aveva triangolato per la Santa Sede l’acquisto da Mincione dell’immobile di Londra al centro dell’inchiesta, avrebbe trattenuto senza farlo sapere alla Segreteria di Stato mille azioni (le uniche con diritto di voto) della società, con ciò impedendo di fatto al Vaticano (cui aveva ceduto 30mila azioni ma senza diritto di voto) di disporre del palazzo. Gli inquirenti avrebbero scoperto che nel corso di una riunione per convincere l’imprenditore a cedere le sue azioni e alla quale parteciparono anche monsignor Edgar Pena Parra, Sostituto della segreteria di Stato Vaticana, Giuseppe Maria Milanese, che avrebbe agito nell’interesse della Segreteria, l’avvocato dello studio Ernst & Young Manuele Intendente e Renato Giovannini, rettore vicario Università Guglielmo Marconi, Torzi si sarebbe detto disponibile a rinunciare, previo risarcimento delle spese e con un piccolo margine guadagno, somma che in un successivo incontro venne quantificata in 3 milioni di euro.  Tuttavia, nonostante l’accordo verbale, nell’ipotesi investigativa Torzi non avrebbe restituito le azioni residue della Gutt Sa. Anzi, la sua strategia ‘al rialzo’ sarebbe emersa nel corso di una drammatica e lunghissima riunione nello studio di Giovannini, dalla quale sarebbe venuto fuori che più persone erano state coinvolte nell’operazione e che somme di denaro erano state date o promesse anche ad “altri”. Vero? Falso? E chi sarebbero questi “altri”? E, ancora, che Enrico Crasso, gestore delle finanze della Segreteria di Stato attraverso Sogenel Capital Holding, e Fabrizio Tirabassi, responsabile dell’ufficio amministrativo della Segreteria di Stato, qualche giorno prima in un incontro a Milano gli avessero offerto 9 milioni di euro per cedere le azioni.  Una cifra consistente, ritenuta però insufficiente da Torzi che, secondo quanto riferito agli investigatori da più testimoni, sarebbe arrivato a ipotizzare la somma di 24 milioni e perfino di 30 milioni per restituire l’immobile di Londra alla Santa Sede, in un’escalation che a quanto apprende l’Adnkronos avrebbe spinto Giovannini, interrogato dagli inquirenti vaticani, a non poter negare che le richieste dell’imprenditore molisano avessero i toni di una “estorsione”.  Successivamente, nel corso di un incontro con il Sostituto della Segreteria Vaticana, Tirabassi e monsignor Alberto Perlasca, responsabile dell’ufficio amministrativo della Segreteria, dalle indagini sarebbe emerso che avrebbero proposto di prelevare i 20 milioni necessari a chiudere la transazione con Torzi dal cosiddetto Fondo discrezionale, un fondo creato nel 2015 per le spese discrezionali del Papa. Operazione che sarebbe finìta nel nulla anche grazie alla mediazione di monsignor Mauro Carlino che avrebbe convinto Torzi ad accettare 15 milioni anziché 20, al pagamento dei quali, secondo la procura vaticana, si sarebbe consumata l’estorsione. (di Mia Grassi e Tommaso Gallavotti)

  • La Palmas, sempre più bella, mostra la pancia ai suoi fan
    Notizie
    notizie.it

    La Palmas, sempre più bella, mostra la pancia ai suoi fan

    La gravidanza di Giorgia Palmas è ormai evidente: la showgirl sfoggia il pancione via social, e fa una tenera dedica al suo bambino.

  • Bambini e anziani avranno il vaccino antinfluenzale gratis
    Salute
    notizie.it

    Bambini e anziani avranno il vaccino antinfluenzale gratis

    A seguito dell'emergenza Covid, il Ministero della Salute sostiene che il vaccino per l'influenza andrebbe raccomandato per bimbi e anziani.

  • Ciavarro ha commentato la fine della relazione dei suoi due ex coinquilini
    Notizie
    notizie.it

    Ciavarro ha commentato la fine della relazione dei suoi due ex coinquilini

    Paolo Ciavarro ha detto la sua in merito alla seconda, discussa rottura tra Pago e Serena Enardu.

  • Maddie sarebbe morta. Ma il suo assassino avrebbe un volto
    Notizie
    AGI

    Maddie sarebbe morta. Ma il suo assassino avrebbe un volto

    AGI - "Riteniamo che la bambina sia morta": non sembrano lasciare grande spazio alla speranza le parole di un portavoce della Procura di Braunschweig. Ma ora forse ci sono un volto e un'identità dell'uomo che potrebbe aver ucciso la piccola Maddie McCann, la bimba britannica strappata 13 anni fa dal suo lettino e scomparsa nel nulla mentre era in vacanza nell'Algarve, in Portogallo, con i genitori.Ossia c'è un nuovo sospetto su cui si concentrano tutte le attenzioni degli inquirenti tedeschi, britannici e portoghesi: un tedesco, oggi 43enne, già in carcere a Kiel, in Germania, in seguito a varie condanne per reati di natura sessuale, che nel 2007 viveva non lontano dalla località in cui la bambina sparì nel nulla.Sarebbe stato lui, affermano la polizia tedesca e Scotland Yard, a uccidere la piccola, che all'epoca aveva solo tre anni. Ora si indaga esplicitamente per omicidio. La Procura di Braunschweig, titolare del caso, non ha reso noto ulteriori dettagli, limitandosi alla lettura di un comunicato ufficiale e senza ammettere domande dei giornalisti "per esigenze legate all'indagine in corso". Tuttavia, gli inquirenti sperano ancora "nell'aiuto della popolazione" per far luce sul caso. Tredici anni di angosciaQuando Madeleine McCann scomparve, il 3 maggio 2007, dal residence in cui trascorreva le vacanze con la famiglia nella località balneare di Praia da Luz, la polizia locale pensò per prima cosa ad un rapimento.I genitori erano andati a mangiare in un vicino ristorante e per un certo periodo persino su di loro gravarono dei sospetti. Avevano lasciato a dormire la piccola con i propri fratellini, una coppia di gemelli, nell'appartamento; e quella sera i genitori e una coppia di amici controllarono regolarmente che tutto andasse bene.Ma improvvisamente Maddie sparì: fu avvertita la polizia, e oltre 60 collaboratori e anche molti ospiti del complesso di residence si misero alla sua ricerca. Nei giorni successivi centinaia di volontari si aggiunsero alle ricerche. Inutilmente.Anche grazie ai numerosi appelli dei genitori e poi per l'interessamento di numerose celebrità internazionali, il caso ebbe quasi da subito un'immensa eco mediatica. E negli anni successivi, con un notevole sforzo finanziario sostenuto con l'aiuto di ignoti benefattori, i genitori, Kate e Gerry McCann, hanno continuato le ricerche senza mai abbandonare la speranza di ritrovare in vita la bimba. Ora, forse, la svolta. Chi è il nuovo sospettoA detta dell'Ufficio criminale federale (Bka), il tedesco finito nel mirino degli inquirenti tra il 1995 e il 2007 ha vissuto regolarmente in Algarve, vivendo per alcuni anni in una abitazione situata tra Lagos e Praia da Luz."In quel periodo aveva vari lavoretti occasionali, anche nel ramo della gastronomia", ha fatto sapere la polizia tedesca. Il quotidiano Braunschweiger Zeitung aggiunge altri dettagli: si tratterebbe dello stesso uomo che, a fine 2019, è stato condannato a 7 anni per violenza sessuale nei confronti di una donna americana di 72 anni, commessa proprio a Praia da Luz, verdetto nei confronti del quale l'imputato però ha presentato ricorso per errori nella procedura di estradizione.L'attenzione degli inquirenti si è concentrata sul 43enne dopo alcune puntate della trasmissione del secondo canale pubblico Zdf "Aktenzeichen XY" (l'equivalente del nostro "Chi l'ha visto") a partire dall'ottobre 2013. "Ma le informazioni di allora non bastavano per dare inizio ad un nuovo filone d'indagini e men che mai ad un arresto", affermano oggi gli uomini del Bka.Oggi il quadro è diverso: la storia del 43enne è punteggiata da tutta una serie di condanne per reati sessuali, ivi compresi abusi nei confronti di minori. Inoltre la polizia sospetta che si sia guadagnato da vivere anche facendo il pusher di stupefacenti e attraverso furti in alberghi e in case di vacanza. Alto circa un metro e ottanta, nel maggio 2007 l'uomo aveva capelli biondi e molto corti, e avrebbe fatto uso di due veicoli, un camper Vw con targa portoghese e una Jaguar con targa tedesca che era stata notata il giorno dopo la scomparsa di Maddie. Il testimone che manca all'appelloNella comunicazione delle autorità britanniche, si afferma che quella stessa sera il sospetto avrebbe ricevuto una telefonata da un numero portoghese: "Riteniamo che la persona che ha effettuato quella chiamata sia un testimone di grandissima importanza, al quale chiediamo di farsi vivo al più presto".Negli anni, i genitori di Maddie hanno rivolto numerosi appelli pubblici nella speranza di avere notizie decisive sulla bambina. È stata Scotland Yard, mercoledì, a diffondere una nuova dichiarazione della coppia: "Abbiamo sempre voluto portare alla luce la verità e trascinare i colpevoli a scontare la propria responsabilità. Non perderemo mai la speranza di ritrovare Madeleine viva: tuttavia, qualunque sia la verità, dobbiamo conoscerla. Perché dobbiamo ritrovare pace".

  • Luca Argentero e Cristina Marino: la prima foto della figlia
    Spettacolo
    Yahoo Notizie

    Luca Argentero e Cristina Marino: la prima foto della figlia

    Luca Argentero e Cristina Marino hanno presentato al pubblico la primogenita Nina Speranza, nata lo scorso 20 maggio.

  • Coronavirus, risalgono a 518 i nuovi casi: 402 sono in Lombardia
    Notizie
    Askanews

    Coronavirus, risalgono a 518 i nuovi casi: 402 sono in Lombardia

    Sono 36.976 attuali positivi, 316 in terapia intensiva, i guariti +1886

  • Sondaggio: Lega al top e Conte 'candidato' sposta voti
    Politica
    Adnkronos

    Sondaggio: Lega al top e Conte 'candidato' sposta voti

    Lega al top. E se il presidente del Consiglio Giuseppe Conte si candidasse sposterebbe voti nelle urne. E' il quadro delineato dal sondaggio realizzato dall'istituto di ricerca Quorum/YouTrend per Sky TG24 diffuso oggi dalla testata.  Il sondaggio ha rilevato le intenzioni di voto se domani ci fossero le Elezioni Politiche, misurando anche l’impatto che potrebbe avere una candidatura del premier Giuseppe Conte. Nella situazione attuale resta alto il tasso di indecisi e astenuti, pari al 55,1%. Tra chi ha espresso una preferenza, la Lega è il primo partito in Italia, con il 26,2% seguito dal Pd con il 21,6%. Il M5S si attesta nelle intenzioni di voto al 15,5%, poi Fratelli D’Italia al 15%, Forza Italia al 6,5%. Seguono Italia Viva con il 3,1%, la lista “La Sinistra” al 2,7%, Azione! al 2,4%, +Europa al 2,3% e la lista “Cambiamo” di Giovanni Toti allo 0,1%. Il 4,6% degli intervistati si orienterebbe invece verso altri partiti.  Queste invece le intenzioni di voto qualora il premier Giuseppe Conte fosse il candidato premier del M5S: indecisi e astenuti sarebbero il 53,5%, mentre tra chi esprime una preferenza la Lega sarebbe primo partito al 27,9%, seguita dal Movimento 5 Stelle – Conte al 19,9%, il Partito Democratico al 18,9%, Fratelli d’Italia al 14,6%, Forza Italia al 6,7%, La Sinistra al 2,5%, Azione! al 2,2%, Italia Viva al 2,1%, +Europa al 1,6%, Cambiamo al 0,9%, mentre sceglierebbe un altro partito il 2,7%.  La situazione muta in parte ipotizzando che il presidente del Consiglio presenti una sua lista: la voterebbe sicuramente o probabilmente il 24,1% del campione. Il 66,7% degli intervistati non la sceglierebbe, mentre è indeciso il 9,2%. A considerare l’idea di votare una lista del premier Conte sono il 33,7% degli elettori di centrosinistra, il 15,9% degli elettori del Centrodestra, il 66,3% degli elettori del M5S e il 20,4% degli indecisi.  Per quanto riguarda le intenzioni di voto, gli astenuti in questo caso sarebbero il 51,1%. Tra chi esprime una preferenza, la Lega sarebbe primo partito al 26,3%, seguita dal Partito Democratico al 16,5%, Fratelli d’Italia al 15,4%, la lista di Giuseppe Conte al 14,3%, Il Movimento 5 Stelle al 9,7%, Forza Italia al 5,7%, La Sinistra al 4,2%, Italia Viva all’1,8%, Azione! al 1,7%, +Europa al 1,5%, Cambiamo al 0,2%, mentre sceglierebbe un altro partito il 2,7%.  Gli elettori della eventuale lista del premier si sposterebbero principalmente dal bacino di indecisi e astenuti (ben il 51,1%), dagli elettori del M5S (19,4%) e del Partito Democratico (11,5%). Dagli altri partiti arriverebbero percentuali di elettori tra il 4,6% e lo 0,9%. In caso si verificasse una crisi di Governo la maggior parte degli intervistati vorrebbe nuove elezioni in autunno (il 35%). Seguono l’ipotesi di un nuovo Governo tecnico o di larghe intese guidato da Mario Draghi (17,6%), un nuovo Governo appoggiato da PD e Movimento 5 Stelle (8,6%), un nuovo Governo appoggiato da Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e alcuni esponenti del Movimento 5 Stelle (8,5%), un nuovo Governo tecnico o di larghe intese guidato da una figura differente (7,3%). Non esprime un’opinione il 23% del campione.  Alla domanda se il presidente del Consiglio Conte sia più vicino al Partito Democratico o al Movimento 5 Stelle, il 37,6% del campione sostiene che sia intermedio fra i due partiti. Per il 28,7% è invece più vicino al Movimento 5 Stelle, mentre per il 15,7% è più vicino al Partito Democratico. Non sa o non risponde il 18%.

  • Incidente corso Francia, consulenti: da Genovese totale disinteresse
    Notizie
    Askanews

    Incidente corso Francia, consulenti: da Genovese totale disinteresse

    "Il giovane guidava a forte velocità ed usando il telefonino"

  • Bologna, biker investito da una moto: loro scappano, ma Luis Sal li filma
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Bologna, biker investito da una moto: loro scappano, ma Luis Sal li filma

    Lo youtuber ha filmato l'incidente: i due in moto sono scappati, ma le prove video di Sal li incastrano

  • Anna Tatangelo, lo scatto che fa impazzire i fan
    Spettacolo
    Yahoo Notizie

    Anna Tatangelo, lo scatto che fa impazzire i fan

    Anna Tatangelo ha pubblicato sul suo profilo Instagram uno scatto che ha fatto letteralmente impazzire i fan.

  • Vaticano, che cos'è l'Obolo di San Pietro
    Notizie
    Adnkronos

    Vaticano, che cos'è l'Obolo di San Pietro

    L’Obolo di San Pietro è un'offerta che i fedeli fanno alla Chiesa cattolica, in particolare al Papa, perché abbia i mezzi per provvedere alle necessità materiali della Chiesa. Sono questi soldi, donati dai credenti di tutto il mondo al Papa per finanziare opere di bene, che sono finiti nell'affare del palazzo di Sloane Avenue, a Londra, che ha aperto una "voragine" nei conti d'Oltretevere. L'Obolo ha origini molto antiche: assunse forma stabile nel VII secolo, quando venne portata a termine la conversione al cristianesimo degli Angli e dei Sassoni, iniziata e voluta da Gregorio Magno, papa dal 590 al 604. L'Obolo nacque come segnale di vicinanza alla Chiesa di Roma di quelle genti lontane, di cui sappiamo grazie a Beda il Venerabile, monaco e storico anglosassone, vissuto a cavallo tra il VII e l'VIII secolo. L'Obolo si è poi evoluto nei secoli ed è stato formalizzato dai vescovi riuniti nel Concilio Vaticano II, nel 1965. Nella Costituzione apostolica Gaudium et Spes, promulgata da Papa Paolo VI, si stabilisce che "le cose terrene e quelle che, nella condizione umana, superano questo mondo, sono strettamente unite, e la Chiesa stessa si serve di strumenti temporali nella misura che la propria missione richiede". Nella pratica l'Obolo viene raccolto ogni anno dalle diocesi e dalle parrocchie il 29 giugno, Festa di San Pietro e Paolo, o nella domenica più vicina a quella data. Lo si può versare anche in qualsiasi momento l'anno su un conto corrente postale, oppure con bonifico bancario alla Fineco Bank, già del gruppo Unicredit (oggi è una public company, con il colosso BlackRock come primo azionista, all'8,8%).

  • Kanye West, il gesto per la figlia di Floyd
    Spettacolo
    Yahoo Notizie

    Kanye West, il gesto per la figlia di Floyd

    Dopo le critiche ricevute per non aver partecipato al "Black Out Tuesday", il rapper ha optato per un'azione concreta.

  • A sorpresa la Carmelita Nazionale ha rivelato un inaspettato appuntamento con i suoi fan
    Spettacolo
    notizie.it

    A sorpresa la Carmelita Nazionale ha rivelato un inaspettato appuntamento con i suoi fan

    A sorpresa Barbara D'Urso ha annunciato ai fan che continuerà a tener loro compagnia nonostante la pausa estiva dei suoi show.

  • In pazienti Covid propensione a trombosi vascolari. Ecco perché
    Salute
    Askanews

    In pazienti Covid propensione a trombosi vascolari. Ecco perché

    Il meccanismo scoperto dai ricercatori di Milano-Bicocca

  • A Napoli salta incontro Salvini-presepai: inopportuno
    Notizie
    Askanews

    A Napoli salta incontro Salvini-presepai: inopportuno

    Artigiani: distorsione mediatica, siamo uditori non attori

  • Vaticano, il pasticciaccio del palazzo di Chelsea
    Notizie
    Adnkronos

    Vaticano, il pasticciaccio del palazzo di Chelsea

    Il palazzo al centro dell'inchiesta che ha portato all'arresto del finanziere italolondinese Gianluigi Torzi è un antico magazzino di Harrods nell'esclusivo quartiere di Chelsea, a due passi dallo snodo della Tube di South Kensington. Eretto nel 1911, all'epoca serviva come deposito per il più famoso department store del mondo, che a tutt'oggi si affaccia sulla Brompton Road a Knightsbridge, non troppo lontano da Sloane Avenue, tempio mondiale dello shopping e meta di 15 mln di visitatori all'anno (Omnia Omnibus Ubique, tutto a tutti ovunque, è il motto della casa). Della struttura originale del vecchio magazzino di Harrods è stata conservata la facciata, con eleganti muri in mattoni di terracotta, che oggi racchiudono un nuovo edificio, costruito negli anni Novanta, caratterizzato da grandi vetrate. Il fabbricato sta al civico 60 di Sloane Avenue, a due passi dalla Galleria Saatchi e dalla fermata di Sloane Square, dove passano sia la District che la Circle Line della Underground londinese. L'edificio è in un'area molto ben servita: dalla fermata di South Kensington (ci passano ben tre linee della Tube: la District, la Circle e la Piccadilly) ci si arriva in cinque minuti a piedi, camminando verso est. Ci passa l'autobus e nelle immediate vicinanze si trova una stazione del bike sharing londinese, sponsorizzato dal Santander. Al piano terra si affacciano le vetrine, mentre ai piani superiori si mischiano le facciate in terracotta, sia antiche che moderne, e le grandi vetrate.  Il palazzo ha diverse entrate: l'ingresso principale si affaccia su Sloane Avenue, con un'area di reception dalla quale si accede all'ascensore interno e alle scale mobili, per salire ai piani superiori. Ci sono poi accessi secondari su Sloane Avenue, Ixworth Place e Draycott Avenue. Dal retro si accede al parcheggio interno, con doppia corsia, di ingresso e di uscita. A vendere il palazzo al Vaticano, che inizialmente stava valutando un investimento nell'estrazione di petrolio offshore in Angola, è stato il finanziere Raffaele Mincione. La Segreteria di Stato non ha acquistato direttamente le mura, ma ha sottoscritto le quote di un fondo che faceva capo a Mincione, Athena Capital Commodities Fund. Per quanto l'immobile sia di pregio, secondo le accuse il Vaticano ci avrebbe perso parecchi denari. E i progetti di ristrutturazione per metterlo a reddito, datano almeno dal 2016, ma richiedono spese non piccole. Oltretutto, i soldi dell'Obolo di San Pietro, che in teoria avrebbero dovuto essere messi al sicuro nel mattone, sarebbero invece finiti a finanziare, sempre secondo le accuse, una serie di operazioni che facevano capo a Mincione, tra cui la sottoscrizione di un bond emesso dalla lussemburghese Time and Life Sa (anch'essa facente capo a Mincione) e l'acquisizione di azioni della Bpm.  Le quote del fondo sottoscritto dalla Segreteria di Stato al 30 settembre 2018 avevano già perso 18 mln di euro rispetto al valore dell'investimento iniziale. Ma la perdita per le finanze vaticane sarebbe ben più consistente. Oltre ai 18 mln persi per il deprezzamento delle quote del fondo, la Santa Sede ha infatti versato a Mincione altri 40 mln di euro, al fine di acquisire una buona volta l'intera proprietà del palazzo. Neanche questa transazione, peraltro oggetto di speciale attenzione da parte degli inquirenti vista la grande sproporzione tra il valore dell'immobile (gravato da un mutuo oneroso) e il prezzo corrisposto, ha risolto la questione. Nell'ambito della transazione, dalla struttura complessa, il finanziere Gianluigi Torzi, subentrato per consentire alla Santa Sede di acquisire la proprietà del palazzo, aveva conservato un pacchetto di azioni con diritto di voto di una società anonima, la Gutt Sa, coinvolta nel passaggio di mano. La Gutt ha cessato ogni attività il 5 settembre 2019 ed è stata radiata dal Registro delle Imprese lussemburghese, dopo lo scioglimento della società per volontà dell'azionista unico. Alla fine, il Vaticano ha dovuto sborsare altri 15 mln di euro per acquisire la proprietà dell'immobile, ora in mano alla 60 Sa Ltd, iscritta alla Companies House nel marzo 2019 con una sterlina di capitale iniziale e la Segreteria di Stato come unico azionista. In tutto, secondo le accuse, la Santa Sede ha sborsato oltre 350 mln di euro per un palazzo che la Time and Life di Raffaele Mincione aveva acquisito, nel 2012, per 129 mln di sterline.

  • Morte Floyd, Cuomo: abbiamo bisogno di unità, invece Trump divide
    Politica
    Askanews

    Morte Floyd, Cuomo: abbiamo bisogno di unità, invece Trump divide

    "È il suo istinto, la nazione chiede che si fermi"