Ex Ilva, Tajani: duro colpo, Fi porterà caso a Bruxelles

Pol/Bac

Roma, 4 nov. (askanews) - "Il ritiro di Arcelor Mittal nell'acquisizione definitiva dell'Ilva è un duro colpo per l'industria siderurgica italiana. Si è perso tempo e l'incapacità oltre all'indecisione politica dei due governi Conte hanno creato i presupposti per un grave fallimento. Migliaia di posti di lavoro a rischio e miliardi di € di Pil che vanno in fumo". Lo scrive su Facebook Antonio Tajani, vicepresidente di Forza Italia e Presidente della Commissione affari costituzionali al Parlamento europeo.

"Il governo, soprattutto con il M5s che è alla guida del Mise, non ha fatto altro - aggiunge - che disattendere gli accordi con Arcelor Mittal utili al rilancio dell'ex Ilva. Togliere lo scudo penale necessario per attuare la bonifica ambientale dell'area è stato un vero suicidio e a pagarne le conseguenze saranno i lavoratori e i cittadini di Taranto. Servono scelte necessarie alla salvaguardia dell'occupazione soprattutto nel Mezzogiorno, misure utili a garantire all'Italia la posizione di secondo Paese manifatturiero d'Europa. C'è, insomma, bisogno di una vera politica industriale capace di rilanciare l'economia. Questo governo sta facendo l'esatto contrario. Forza Italia porterà il caso a Bruxelles al Parlamento e alla Commissione Europea".