Ex Miss Campania precipitata dal balcone, la famiglia a Chi l'ha visto: "Il marito la picchiava. Non è stato suicidio"

HuffPost
-

“Mia figlia non può essersi suicidata. Era piena di vita. Il marito era violento con lei”. A raccontarlo ai microfoni di “Chi l’ha visto” è la mamma di Annamaria Sorrentino, l’ex Miss Campania affetta da sordità morta dopo essere precipitata dal balcone il 16 agosto scorso, mentre era in vacanza col marito in Calabria. Proprio sul coniuge, fin da subito, gli inquirenti hanno fatto ricadere i primi sospetti.

La 29enne era originaria di Melito di Napoli, ma da sette anni si era trasferita a Nola (Napoli) con il marito. Una ragazza piena di vita e di ambizioni, che mai avrebbe potuto tentare un gesto estremo: a sostenerlo è la famiglia di Annamaria durante l’ultima puntata di “Chi l’ha Visto”, mentre viene mandata in onda l’intervista al marito.

Quando la tragedia è avvenuta, la coppia stava trascorrendo le proprie vacanze a Parghelia (Vibo Valentia), località calabra dove soggiornava in un appartamento al terzo piano. Il marito non si è presentato ai funerali per non incontrare la famiglia di Annamaria e ai microfoni di “Chi l’ha Visto” ha affermato che la ragazza si sarebbe gettata dal balcone mentre lui stava intrattenendo un’aspra lite per gelosia con un amico.

“Non sono riuscito a fermarla”, ha detto l’uomo. Eppure, la famiglia continua a respingere la tesi del suicidio e a smentire le parole del marito dell’ex Miss: “Non crediamo a chi era in quella casa con lei”. Dal fratello della vittima, inoltre, arrivano ulteriori gravi accuse: stando alla sua versione, l’uomo “picchiava Annamaria”. 

“Il marito era violento ma lei non ci aveva mai detto niente”, racconta Gennaro, fratello di Annamaria Sorrentino. La tragedia è avvenuta ad agosto e fin dal primo momento le condizioni della giovane donna erano apparse gravissime: il suo corpo, precipitato dal terzo piano, era caduto sul parapetto e poi al suolo.

Continua a leggere su HuffPost