Ex oligarca Khodorkovskij: serve rivoluzione per deporre Putin

Dmo

Roma, 18 lug. (askanews) - "La nuova Costituzione russa rimuove la possibilit di un avvicendamento legale del potere. Il che vuol dire che, quando mai ci sar un cambio di regime, avverr con una rivoluzione". Ne convinto Mikhail Khodorkovskij, ex patron del colosso petrolifero russo Yukos e uomo pi ricco di Russia prima della condanna a 10 anni di carcere duro in Siberia per evasione fiscale, appropriazione indebita e frode. L'ex oligarca parla in un'intervista a Repubblica da Londra, dove vive dopo essere stato scarcerato nel 2013.

Khodorkovskij ha fondato Open Russia, organizzazione "non grata" nella Federazione ed stato uno dei principali sostenitori della campagna "Njet", No, per bocciare il voto dell'1 luglio sulla riforma costituzionale che consentir a Putin di restare al potere almeno fino al 2036. "Era chiaro che il Cremlino avrebbe aggiunto al conteggio finale qualsiasi numero di voti necessario" e cos "Putin si trasformato in un presidente illegittimo" e "ha ufficialmente messo fine all'indipendenza della magistratura. Non sar pi obbligato a rispettare le decisioni dei tribunali internazionali", "il voto pu durare pi giorni e gli osservatori sono scelti tra persone selezionate dal Consiglio presidenziale".

(Segue)

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.