Export Abruzzo, nei distretti brillano comparti di vini e pasta

Xab

Pescara, 18 lug. (askanews) - Sono brillanti i risultati del comparto del mobile, in Abruzzo per quel che riguarda le esportazioni nel primo trimestre 2019, bene anche vini di Montepulciano e pasta di Fara. Condizionato, invece il polo ITC dell'Aquila, dai flussi verso gli Usa. Complessivamente sono stabili (-0.1%) le esportazioni dei Distretti industriali abruzzesi nei primi tre mesi del 2019: è quanto si evince dal Monitor dei distretti industriali dell'Abruzzo curato dalla Direzione studi e ricerche di Intesa Sanpaolo. In particolare crescono tre distretti regionali su cinque: ottima performance per il Mobilio (+9,7%), molto bene anche i vini di Montepulciano (+5,8%), sostanzialmente stabile la Pasta di Fara (+0,2%). In controtendenza il comparto dell'Abbigliamento (-14,3% per il distretto nord-abruzzese e -6,9% per il distretto sud-abruzzese).

"Le esportazioni dei Distretti industriali regionali nei primi tre mesi dell'anno sono sostanzialmente stabili rispetto allo stesso periodo del 2018, un dato che va letto anche alla luce dell'eccellente +11,4% fatto segnare nel primo trimestre dello scorso anno e di un 2018 che nel complesso mostrato una crescita del 4,1%, meglio della media dei Distretti industriali italiani - spiega Tito Nocentini, direttore regionale di Intesa Sanpaolo -. Obiettivo del nostro Gruppo, che non a caso segue le dinamiche economiche locali attraverso il lavoro puntuale della sua Direzione Studi e Ricerche, è appunto sostenere le imprese nelle loro sfide sui mercati e quella dell'export è chiaramente centrale. E' con questa finalità che abbiamo scelto di agevolare le imprese che investono semplificandone l'accesso al credito: nella determinazione del rating valorizziamo gli aspetti qualitativi come l'investimento in capitale umano e l'innovazione, l'appartenenza alle filiere e la sostenibilità".