Export armi nel mondo: salgono Usa, Francia, Germania nel 2016-20. Italia 10ma

Red
·5 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 15 mar. (askanews) - Stati Uniti, Francia e Germania, tre dei primi cinque esportatori di armi al mondo, hanno incrementato le esportazioni dei loro armamenti nel mondo anche negli ultimi cinque anni, tra il 2016 e il 2020. Un balzo in avanti compensato dal notevole calo dell'export di Russia e Cina, secondo i nuovi dati pubblicati sui trasferimenti globali di armamenti da parte dello Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI). L'Italia è scesa nell'ultimo quinquennio al decimo posto della classifica mondiale dei maggiori esportatori di grandi armamenti, dietro Israele e Corea del Sud. La quota italiana sul mercato mondiale è scesa del 22% rispetto al 2011-2015, dal 2,8% al 2,2% secondo i dati del Sipri, che stima i volumi di trasferimenti di grandi armamenti (non il valore delle transazioni finanziarie). Le importazioni in Medio Oriente sono aumentate del 25% nello stesso periodo, trainate principalmente da Arabia Saudita (+61%), Egitto (+136%) e Qatar (+361%).

"È troppo presto per dire se il periodo di rapida crescita dei trasferimenti di armi degli ultimi due decenni è terminato", ha affermato Pieter D. Wezeman, ricercatore senior del programma SIPRI per le armi e le spese militari. "Ad esempio, l'impatto economico della pandemia di Covid-19 potrebbe vedere alcuni Paesi rivalutare le loro importazioni di armi nei prossimi anni. Tuttavia, allo stesso tempo, anche al culmine della pandemia nel 2020, diversi paesi hanno firmato grandi contratti per armi importanti", ha aggiunto.

Gli Stati Uniti rimangono il più grande esportatore di armi, dopo avere aumentato la loro quota globale di esportazioni di armi dal 32 al 37 per cento tra il 2011-15 e il 2016-20. Gli Stati Uniti hanno fornito armi importanti a 96 Stati negli ultimi cinque anni, molto più di qualsiasi altro fornitore, ampliando il divario con il secondo esportatore al mondo, la Russia. Quasi la metà (47%) dei trasferimenti di armi statunitensi è finita in Medio Oriente. La sola Arabia Saudita rappresenta il 24% delle esportazioni totali di armi statunitensi.

Anche i Paesi al terzo e al quarto posto tra i maggiori esportatori hanno registrato una crescita sostanziale tra il 2011-15 e il 2016-20. La Francia ha aumentato le sue esportazioni di armi importanti del 44% e ha rappresentato l'8,2% delle esportazioni mondiali di armi nel 2016-20. India, Egitto e Qatar hanno ricevuto insieme il 59% delle esportazioni di armi francesi.

La Germania ha accresciuto le sue esportazioni di armamenti del 21% tra il 2011-15 e il 2016-20 e ha rappresentato il 5,5% del totale a livello globale. I principali mercati per le esportazioni di armi tedesche sono stati la Corea del Sud, l'Algeria e l'Egitto.

Sia la Russia che la Cina, invece, hanno visto diminuire le loro esportazioni di armi. L'export russo, che rappresentava il 20% di tutte le esportazioni di armi importanti nel 2016-20, è diminuito del 22%, toccando all'incirca allo stesso livello del 2006-2010. La maggior parte - circa il 90% - di questa diminuzione è stata attribuita a un calo del 53% nelle esportazioni di armi in India. "La Russia ha sostanzialmente aumentato i suoi trasferimenti di armi in Cina, Algeria ed Egitto tra il 2011-15 e il 2016-20, ma ciò non ha compensato il forte calo delle sue esportazioni di armi in India", ha affermato Alexandra Kuimova, ricercatrice del SIPRI Arms and Military Expenditure Program. "Sebbene la Russia abbia recentemente firmato nuovi accordi sulle armi di grandi dimensioni con diversi Stati e le sue esportazioni probabilmente aumenteranno di nuovo gradualmente nei prossimi anni, deve far fronte alla forte concorrenza degli Stati Uniti nella maggior parte delle regioni".

Le esportazioni della Cina, quinto esportatore mondiale di armi nel 2016-20, sono diminuite del 7,8 per cento tra il 2011-15 e il 2016-20. Le esportazioni di armi cinesi hanno rappresentato il 5,2% dell'export totale di armi negli ultimi cinque anni. Pakistan, Bangladesh e Algeria sono stati i maggiori destinatari delle armi di Pechino.

La maggiore crescita delle importazioni di armi è stata registrata in Medio Oriente, dove gli Stati hanno importato il 25% in più rispetto al 2011-2015. Ciò riflette la concorrenza strategica regionale tra le diverse potenze nella regione del Golfo. L'Arabia Saudita, il più grande importatore di armi al mondo, ha aumentato le sue importazioni del 61% e il Qatar del 361%. Le importazioni di armi da parte degli Emirati Arabi Uniti (EAU) sono diminuite del 37%, ma diverse consegne pianificate di armi, tra cui 50 aerei da combattimento F-35 dagli Stati Uniti concordate nel 2020, suggeriscono che gli Emirati continueranno a importare grandi volumi di armamenti.

L'import d'armi dell'Egitto è aumentato del 136%. Il Cairo, coinvolto in gravi tensioni con la Turchia sulle risorse di idrocarburi nel Mediterraneo orientale, ha investito molto nelle sue forze navali. Da parte sua, Ankara ha diminuito le importazioni di armamenti del 59%. Un fattore importante è stato l'interruzione delle consegne da parte degli Stati Uniti di aerei da combattimento F-35 nel 2019, dopo che la Turchia ha importato sistemi di difesa aerea russi. Ankara, d'altra parte, sta aumentando la produzione interna per ridurre la sua dipendenza dalle importazioni.

L'Asia e l'Oceania sono i principali continenti importatori di armi, con il 42% del totale. India, Australia, Cina, Corea del Sud e Pakistan sono i principali paesi importatori. In crescita anche le importazioni del Giappone, aumentate del 124% tra il 2011-15 e il 2016-20. Sebbene le importazioni d'armi di Taiwan nel 2016-20 siano state inferiori rispetto al 2011-2015, inoltre, nel 2019 ha inviato diversi ordini d'acquisto agli Stati Uniti, anche per aerei da combattimento. "Per molti stati dell'Asia e dell'Oceania, la crescente percezione della Cina come una minaccia è il principale motore delle importazioni di armi", ha affermato Siemon T. Wezeman, ricercatore senior presso SIPRI. "Sono previste importazioni più consistenti. E diversi Stati della regione mirano a produrre in proprio i principali armamenti".

Le importazioni di armi dall'India sono diminuite del 33% tra il 2011-15 e il 2016-20. La Russia è stata il fornitore più colpito, sebbene anche le importazioni indiane di armi statunitensi siano diminuite del 46%. Il calo delle importazioni di armi indiane sembra essere dovuto principalmente ai suoi complessi processi di approvvigionamento, combinati con un tentativo di ridurre la sua dipendenza dalle armi russe. Anche per questa ragione, l'India sta pianificando l'import di armi su larga scala da diversi fornitori.