Ezio Guaitamacchi: "Storie e curiosità sul rapporto fra musica e animali in Crocodile Rock"

·1 minuto per la lettura

Ci sono i brani che raccontano storie di animali e i testi che citano gli esseri viventi nostri 'colleghi' sul pianeta Terra; ma anche gli artisti e i gruppi musicali che dagli animali hanno tratto il loro nome d'arte oppure il soprannome popolare o le colonne sonore nate o ispirate dal loro verso. E' una sorta di enciclopedia, quasi un censimento ma reso leggibile e godibile alla lettura dalla particolarissima veste grafica, quello proposto da Ezio Guaitamacchi e Antonio Bacciocchi in 'Crocodile Rock', libro edito da Hoepli per la sua collana musicale.

"Questa idea che potremmo definire 'bestiale' ci è venuta osservando i nostri cani e scherzandoci sopra - riferisce Guaitamacchi all'AdnKronos - Bacciocchi aveva raccolto e archiviato una mole di informazioni sul rapporto fra musica e animali e la sua proposta mi ha subito entusiasmato e mi ha riportato indietro agli anni in cui ero nel consiglio direttivo di Greenpeace Italia e organizzai a Milano una rassegna dal titolo 'Musica e Natura', integrando le curiosità che già lui aveva raccolto: ed è nato questo libro che, senza voler fare un peccato di presunzione, è davvero l'unico al mondo ad essere così completo".

A questo punto, andrà annualmente aggiornato... "In effetti, ci si potrebbe pensare - annuisce Guaitamacchi - Certo, è un'impresa titanica, perché il rapporto fra musica e animali è davvero internazionale, un legame fortissimo negli States come in Europa e nella nostra Italia e che attraversa tutte le epoche, anzi si perde negli albori della civiltà, visto che persino tanti strumenti musicali traggono origine dai versi degli animali. Certo, il pop-rock è il genere che più ha subito il fascino 'bestiale' dei nostri amici animali".

(di Enzo Bonaiuto)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli