F1: Fia e Mercedes condannano insulti razzisti rivolti a Hamilton

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 19 lug. – (Adnkronos) – La tensione causata dall'incidente al via del Gp di Gran Bretagna tra Lewis Hamilton e Max Verstappen è proseguita anche dopo la bandiera a scacchi con il botta e risposta tra i due protagonisti ed è sfociata nel peggiore dei modi sui social network. Come confermato dalla Fia e dal team Mercedes, il pilota inglese è stato vittima di "molteplici insulti razzisti" sul web. Così la Federazione Internazionale e la Scuderia di Brackley hanno voluto diffondere un comunicato congiunto condannando i responsabili.

"Durante e dopo il Gran Premio di Gran Bretagna – si legge nel comunicato -. Lewis Hamilton è stato soggetto a molteplici casi di insulti razzisti sui social media dopo un incidente in gara. Formula 1, Fia e Mercedes condannano questo comportamento con la massima fermezza. Queste persone non hanno posto nel nostro sport e chiediamo che i responsabili siano tenuti a rispondere delle loro azioni. La Formula 1, la FIA, i piloti e i team stanno lavorando per costruire uno sport più diversificato e inclusivo, e questi insulti online devono essere evidenziati ed eliminati". Anche la Red Bull ha voluto manifestare la propria solidarietà al campione del mondo in carica, condividendo sui suoi profili il comunicato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli