Fa discutere la condanna della star del basket USA. Lavrov: "Pronti a trattare"

Mentre Mosca si dice pronta a discutere con Washington sul caso della campionessa di basket Brittney Griner, il mondo dell’**WNBA** è sotto shock dopo che la cestita americana è stata condannata a 9 anni per traffico di droga dal tribunale di Khimki, alla periferia di Mosca.

Tutte le sue colleghe, avversarie in campo, ma anche amiche nella vita, non si danno pace per la sentenza pronunciata e ora c’è chi si rifiuta di scendere di nuovo in campo per giocare.

Skylar Diggins-Smith, sua compagna di squadra con le Mercury Phoenix si chiede “come si possa ancora tenere un evento sportivo, giocare come se nulla fosse.” Non è possibile avvicinarsi ai campi da gioco con la mente lucida. Tutto il team sta piangendo, dobbiamo cercare di fare qualcosa per lei ma giocare è dura.” Per l’allenatrice Vanessa Nygaard e’ come se il tempo si fosse fermato.

La Griner durante la pausa del campionato Wnba gioca in Russia, nello Ekaterinburg. La paladina dei diritti Lgbtqi+ lo fa da sette stagioni per tenersi allenata. La 31enne star della pallacanestro era arrestata a febbraio al suo arrivo a Mosca dopo che le era stato trovato nel bagaglio dell'olio di cannabis.

La due volte campionessa olimpica con gli Usa si era dichiarata colpevole, affermando però di aver inavvertitamente portato la sostanza in Russia e rifiutando l'accusa di traffico di stupefacenti. La pubblica accusa afferma invece che Griner avesse scientemente nascosto l'olio di cannabis nel suo bagaglio.

Mosca: "Pronti a trattare"

Ora in un momento di grande tensione internazionale, Russia e Stati Uniti parlano di un possibile scambio di prigionieri. Il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov si dice pronto a discutere ma “solo nell'ambito di canale di comunicazione concordato dai presidenti Putin e Biden.” Al Cremlino risponde la Casa Bianca: "La Russia detiene" Brittney Griner "ingiustamente, ha replicato Joe Biden, chiedendo il rilascio immediato della giocatrice, che in lacrime, era comparsa dietro le sbarre del tribunale ammanettata.

Gli Stati Uniti "perseguiranno" l'offerta fatta alla Russia per discutere uno scambio di prigionieri che coinvolga la cestista, ha sottolineato Il segretario di Stato americano Antony Blinken a margine dell'East Asia Summit in Cambogia mentre i legali della giocatrice fanno sapere che sta molto male ed è difficile parlarci", annunciando che faranno appello contro la sentenza. Intanto il ritorno a casa della campionessa di basket USA passa ora dai canali della diplomazia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli