Fa pipì in strada, ma un residente lo sgrida: aggredito e ferito

pipi in strada

Un giovane di 20 anni aveva fatto pipì in strada nella serata di giovedì 12 settembre in via Acri a Bologna. Un residente del quartiere in zona università, però, lo aveva sgridato. Il destinatario della ramanzina, non è rimasto ad ascoltare e ha aggredito con pugni e botte il 64enne, rompendogli il naso. L’anziano di origini aretine è stato subito soccorso dal personale medico del 118, mentre la Polizia si è messa sulle tracce dell’aggressore. Il 20enne fuggitivo è stato ritrovato dagli agenti poco distante mentre cercava di nascondersi all’interno di una pizzeria.

Fa pipì in strada, residente lo sgrida

Il giovane di 20 anni aveva fatto pipì in strada nei pressi di via Vinazetti, per poi proseguire in via Acri, nella zona universitaria di Bologna. Un residente della zona, accortosi del comportamento del ragazzo, lo avrebbe rimproverato. A quel punto sarebbe cominciata una colluttazione tra i due: il 20enne avrebbe preso a pugni sul volto il 64enne di origini aretine fino a rompergli il naso. Dopo averlo buttato a terra si sarebbe accanito su di lui con violenza. L’episodio è avvenuto a poca distanza dal luogo in cui il giovane ha urinato, nella notte tra giovedì e venerdì scorsi. Poi, il giovane avrebbe tentato di fuggire nascondendosi in una pizzeria in zona via Petroni. Tuttavia, la polizia ha bloccato e identificato l’aggressore: si tratta di un giovane di 20 anni di origini marocchine con precedenti e diverse condanne a carico.

L’arresto e la condanna

Il giovane marocchino è stato arrestato dalla polizia con le accuse di lesioni personali gravi, lesioni personali e lesioni finalizzate alla resistenza. Con le manette ai polsi è stato accompagnato in Questura. La vittima, invece, dovrà seguire una prognosi di almeno 20 giorni.