Fabio Jakobsen fuori pericolo: è cosciente e muove braccia e gambe

·1 minuto per la lettura
Jakobsen condizioni
Jakobsen condizioni

Buone notizie per Fabio Jakobsen, ciclista di 23 anni caduto durante la prima tappa del Giro di Polonia subendo un grave trauma cranico e finendo in coma farmacologico in terapia intensiva: dalla struttura in cui si trova ricoverato hanno spiegato che il giovane è stato risvegliato e che le sue condizioni sono stabili.

Le condizioni di Jakobsen dopo la caduta

Inizialmente si era parlato di pericolo di vita a causa delle gravi ferite riportate, tra cui un importante trauma craniofacciale, danni al palato e schiacciamento della trachea. Ma fortunatamente i medici hanno notato un miglioramento del suo stato di salute e risvegliato il corridore della Deceuninck-Quick-Step che ora è cosciente e reagisce alle sollecitazioni.

Il vicedirettore dell’ospedale Pawel Gruenpeter ha inoltre affermato che respira da solo e che la funzione cardiaca è nella norma. “Siamo chiaramente soddisfatti delle sue condizioni. Se è sopravvissuto a una simile caduta, tornerà sicuramente al suo sport“, ha aggiunto. La squadra per cui corre ha poi fornito ulteriori informazioni spiegando che Jakobsen è in grado di muovere braccia e gambe. Riesce inoltre a comunicare con i dottori, i quali hanno anche escluso gravi problemi neurologici.

La vera sfida sarà ora ricominciare a parlare e mangiare data l’operazione di chirurgia maxillo-facciale alla quale è stato sottoposto per cinque ore. Il processo di recupero sarà lungo e complesso ma gli stessi dottori sono convinti ce la possa fare.