Fabio Volo a Che tempo che fa, i fan: “Sei rifatto?”

fabio volo

Nell’ultima puntata di Che tempo che fa, Fabio Volo è stato ospite per presentare la sua ultima ‘fatica’ letteraria dal titolo “Una gran voglia di vivere”. I telespettatori, però, piuttosto che soffermarsi sul romanzo hanno notato qualcosa di strano sul suo volto: possibile che l’attore, conduttore e scrittore abbia deciso di ricorrere al chirurgo estetico?

Fabio Volo a Che tempo che fa

Dopo un lungo anno di assenza, Fabio Volo è tornato a mostrarsi in televisione. L’attore, conduttore e scrittore ha scelto di inaugurare il suo ritorno davanti alle telecamere a Che tempo che fa. Ospite di Fabio Fazio, ha raccontato cosa ha fatto in questo periodo di assenza e perché ha deciso di allontanarsi un pochino dal mondo dello spettacolo. O meglio, Volo ha scelto di non mostrarsi più in volto, visto che la sua voce è comunque andata in onda ogni giorno nella trasmissione radifonica che conduce su Radio Deejay. Fabio, inoltre, ha presentato il suo ultimo romanzo dal titolo “Una gran voglia di vivere”. I telespettatori, però, piuttosto che concentrarsi sulle sue parole hanno notato un cambiamento sul volto. Volo è apparso più “disteso e stirato”, soprattutto attorno agli occhi.

La reazione dei fan

La reazione dei fan è stata immediata e i social si sono riempiti di domande che possono essere riassunte in un unico quesito: Fabio si è rifatto? Qualcuno ha dato per scontato l’intervento del chirurgo estetico, mentre altri hanno chiamato in causa i truccatori. Non possiamo sapere quale sia la realtà, visto che Volo non si è espresso in merito ma c’è un piccolo particolare che non possiamo tralasciare. Nella prima puntata de Le Iene, quella dedicata a Nadia Toffa, Fabio era uno delle 100 iene e indossava un paio di occhiali da sole con le lenti scure. Possibile che questa scelta sia legata ad un piccolo ritocchino? Ovviamente, questa è solo un’ipotesi.

volo

L’ultimo libro di Volo

In questo lungo anno sabbatico, Fabio ha partorito il suo ultimo romanzo dal titolo “Una gran voglia di vivere”. Edito da Mondadori, è così ‘riassunto’: “’Svegliarsi una mattina e non sapere più se ami ancora la donna che hai vicino, la donna con cui hai costruito una famiglia, una vita. Non sai come sia potuto accadere. Non è stato un evento, una situazione, un tradimento ad allontanarvi. È successo senza esplosione, in silenzio, lentamente, con piccoli, impercettibili passi. Un giorno, guardando l’uno verso l’altra, vi siete trovati ai lati opposti della stanza. Ed è stato difficile perfino crederci’. Quello di Marco e Anna sembrava un amore in grado di mantenere le promesse. Adesso Marco non riesce a ricordare qual è stata la prima sera in cui non hanno acceso la musica, in cui non hanno aperto il vino. La prima in cui per stanchezza non l’ha accarezzata. Quando la complicità si è trasformata in competizione. Forse l’amore, come le fiamme, ha bisogno di ossigeno e sotto una campana si spegne. Forse, semplicemente, è tutto molto complicato”. Le classifiche lo danno già come best seller e i fan di Volo stanno facendo a gara per assicurarsi una copia autografata, ma, concedetemelo, l’argomento trattato mi sembra un tantino banale.