Fabrizio Corona avvistato a Milano a quasi un mese dalla scarcerazione

fabrizio-corona

Ad appena un mese dalla scarcerazione avvenuta lo scorso 7 dicembre, Fabrizio Corona è stato avvistato a Milano nella mattinata del 3 gennaio, all’interno del bar Formidabile nel quartiere di Lambrate. Secondo quanto riportato dal settimanale Oggi, l’ex paparazzo sarebbe stato attorniato da un nutrito staff di cineoperatori e truccatori che lo avrebbero seguito nel suo breve tour del capoluogo lombardo. Una ricostruzione che è però stata smentita dallo stesso Corona e dal suo avvocato, i quali hanno già annunciato che presenteranno querela per quello che definiscono un falso scoop.

Fabrizio Corona avvistato a Milano

Stando a quanto riportato dal settimanale di gossip, Fabrizio Corona sarebbe stato visto aggirarsi per Milano circondato da macchine fotografiche, truccatori parrucchieri e assistenti di produzione, violando apparentemente i termini di custodia stabiliti dal tribunale a seguito della sua scarcerazione.

La ricostruzione è stata però categoricamente negata dal diretto interessato e dal suo legale Ivano Chiesa. L’avvocato ha infatti dichiarato come Corona s trovasse a Lambrate semplicemente perché li ha sede il centro di cura per la tossicodipendenza, che egli è tenuto a frequentare proprio a cause delle disposizioni del tribunale. Il legale ha allo stesso tempo smentito qualunque presenza di operatori e truccatori, annunciando la presentazione di una querela per la suddetta falsa notizia.

Il messaggio dell’avvocato

screen-corona

Le parole dell’avvocato Chiesa sono state riportate in una storia Instagram sull’account ufficiale di Corona, nella quale è possibile leggere le seguenti parole: “Fabrizio Corona si trovava a Lambrate perché vivi è situato lo Smi, Centro cura per la tossicodipendenza. Corona è autorizzato espressamente a frequentare tale struttura proprio in esecuzione del programma terapeutico in corso. Ciò in base alle prescrizioni impartite dallo stesso Magistrato di sorveglianza”.

Nel finale del messaggio, l’avvocato precisa inoltre che la pubblicazione di simili affermazioni da parte del settimanale potrebbe avere conseguenze negative sull’attuale percorso di reinserimento sociale di Corona: “Fabrizio Corona preannuncia la presentazione di denuncia-querela per la suddetta falsa notizia, considerato anche che, simili iniziative possono compromettere il percorso detentivo in essere determinando l’ulteriore carcerazione dello stesso”.