Fabrizio Corona, cosa ha fatto e dove è andato dopo essere uscito dal carcere

Fabrizio Corona libero, cos'ha fatto appena uscito?

Aspettava da più di 16 mesi di uscire dal carcere e ora che Fabrizio Corona ha ottenuto ciò che più volte gli è stato negato, dovrà tenersi stretta la libertà conquistata e rigare dritto: ma cosa ha fatto l’ex re dei paparazzi e dove è andato non appena uscito da San Vittore?

La fidanzata Silvia Provvedi, come testimoniano diversi video sui social, è corsa ad abbracciarlo non appena si sono aperti i cancelli dell’istituto penitenziario, poi insieme si sono dileguati in macchina direzione Limbiate, dove Corona sarà affidato a una comunità terapeutica nel milanese per disintossicarsi dalla coca.

IL RETROSCENA SU FABRIZIO CORONA UNA VOLTA FUORI DAL CARCERE: LO SCOOP SU COSA HA FATTO STANOTTE NEL SUO PRIMO GIORNO DI LIBERTA'

Dalla mattina alla sera, dal lunedì al venerdì Fabrizio rimarrà in comunità, restando fedele ai divieti di non rilasciare interviste, o usare il telefono se non per parlare con parenti e avvocati, né diffondere immagini via social.

Fabrizio Corona è andato subito.. Ecco dove è stato pizzicato dopo la scarcerazione

Ad aggiornare i fan su cosa ha fatto e dove è andato appena uscito, tuttavia, ci ha pensato l’amico di sempre Gabriele Parpiglia che su Instagram ha postato le foto del loro abbraccio seguite da una dedica tenerissima:

“Questa volta le parole non servono. Parlano queste tre foto. Tocco l’immagine con il dito. Come se avessi voglia di accarezzarla. Anzi la accarezzo. E prego che sia l’ultima volta. L’ultimo post. L’ultimo così Fabri. Per te , per tuo figlio, per i tuoi affetti, per la nostra amicizia. Nessun bentornato perché non te ne sei mai andato”.

Inoltre, spulciando ancora su Instagram, Corona è stato avvistato con una sua amica che produce borse e in un negozio di elettronica probabilmente per acquistare un cellulare.

Il giudice che ha avallato il provvedimento, ha motivato la scelta parlando di “forte motivazione personale a intraprendere un percorso di cura” e ha rivelato che la presenza di affetti e legami molto forti al di fuori del carcere – anche col figlio 15enne – “giocano un ruolo responsabilizzante in modo intenso e positivo”.