Fabrizio Corona: “Tra 6-7 anni sarò presidente del Consiglio”

Fabrizio Corona sfratto
Fabrizio Corona sfratto

Fabrizio Corona parla a Telelombardia poco prima di entrare in carcere per l’ennesima volta: “Rifarei tutto, perché Corona non cambia mai, morirà così”. Con queste parole, parlando anche di sé in terza persona, l’ex re dei paparazzi si è espresso in un’intervista esclusiva rilasciata a Telelombardia prima di finire di nuovo in carcere, perché il giudice di Sorveglianza di Milano, qualche giorno fa, ha sospeso per lui l’affidamento terapeutico per una serie di violazioni delle prescrizioni.

Il racconto di Corona

Telelombardia, ha passato “una giornata intera a Brescia in compagnia di Fabrizio Corona, 48 ore prima dell’arresto di lunedì scorso”. Corona parla così di se stesso alla televisione lombarda: “In me c’è una parte cattiva e una parte buona, una parte maledetta e una parte profonda. Le mie vicende le racconto, fanno parte della mia esperienza, poi io sono stato bravo perché le ho sapute utilizzare anche commercialmente”.

Poi lancia la provocazione

“Io in politica? Tempo 6-7 anni divento presidente del Consiglio. Errori? Rifarei tutto, Fabrizio Corona non cambia mai, morirà così». Uno dei principali motivi, ha spiegato, “per cui ho pagato nella mia vita è stato perché ho manifestato sempre un’identità di pensiero, una libertà di pensiero diversa da tutti gli altri senza preoccuparmi di chi avevo di fronte”.

Ora, dopo il ritorno in galera, la palla passa al tribunale di Sorveglianza che, entro 20 o 30 giorni, dovrà decidere se sospendere definitivamente l’affidamento terapeutico di Corona. Qualora le cose dovessero andare così, l’ex paparazzo rimarrà in carcere fino a nuovo ordine.