Fabrizio Gatta spiega perché è diventato prete: la scelta dell’ex conduttore Rai

·1 minuto per la lettura
fabrizio gatta
fabrizio gatta

Fabrizio Gatta è stato uno dei volti di casa Rai, dove ha lavorato dal 1996 al 2012. Collaborando in decine di programmi, da Miss Italia a Linea Verde a Uno Mattina Weekend, dell’autore, giornalista e conduttore a un certo punto si persero le tracce. Qualche giorno fa è tuttavia ritornato all’attenzione del gossip con la sorprendente notizia di essersi fatto prete.

Fabrizio Gatta, nuova vita in Cristo

Ebbene sì, l’ex conduttore è diventato sacerdote e oggi esercita in quel di Sanremo. Intervistato da un noto quotidiano nazionale, Gatta ha così deciso di spiegare il motivo che l’ha spinto a lasciare il piccolo schermo preferendogli la Chiesa. “Da grande volevo fare Pippo Baudo. Ero chierichetto a messa […] ma con la fede avevo momenti di lontananza. È una cosa normale durante l’adolescenza. Le crisi servono per essere superate. […]. Mai avrei però pensato di fare il prete”.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

“Il successo, i soldi, lo share e l’applauso non ti bastano più. Allora cerchi di fare del bene. […] Cerchi di capire il Mistero e ti metti in gioco”. In un folgorante parallelismo con la Vocazione di san Matteo di Caravaggio, Fabrizio Gatta ha dunque parlato di “cammino di lacerazione” e di rilettura dell’intera sua vita. “Provo la gioia di annunciare Cristo con l’entusiasmo e l’energia di un ragazzino. Mi piace parlare di Gesù e inventare modi nuovi per comunicare un messaggio di 2000 anni, ma sempre nuovo. Dio ha sconvolto la mia vita”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli