Fabrizio Moro e l'abuso di alcol e droghe: 'Ho smesso per paura di morire'

La confessione di Fabrizio Moro sconvolge i fan: il retroscena del passato

Mentre Ermal Meta smentisce, ironizzando intelligentemente sui social, di avere una relazione sentimentale con Fabrizio Moro, l’altro interprete di ‘Non mi avete fatto niente’ ha rilasciato un’intervista esclusiva a DiPiù in cui ha ripercorso uno dei periodi più bui della sua vita: quando cioè faceva uso di alcol e droghe.

ERMAL META E LA CONFESSIONE SUL RAPPORTO CON FABRIZIO MORO

Al settimanale diretto da Sandro Mayer, infatti, il co-vincitore della 68° edizione del Festival di Sanremo ha confessato che tra i 18 e i 27 anni abusava di sostanze stupefacenti per andare fuori di testa:

“Per anni ho abusato di alcol e droghe. Ho iniziato a 18 anni: con gli amici andavo in discoteca e prendevo pasticche, tipo l’ecstasy, per 'sballare'. E l’alcol scorreva a fiumi. Poi a 27 anni ho smesso”.

‘LA ME..A’, IL CANTANTE SI SFOGA SUI SOCIAL DOPO LA FINE DI SANREMO E CRITICA PESANTEMENTE IL COLLEGA ERMAL META

A mettere un freno ai vizi di Fabrizio Moro la paura di morire e la fobia di ammalarsi.

“Io sono un vigliacco, ho il terrore della morte – ha rivelato il cantautore romano -. A un certo punto ho iniziato a stare male, mi sentivo debole. Sono andato a fare le analisi del sangue. E i risultati mi hanno spaventato. Quando ho capito che dovevo disintossicarmi, un altro disagio è arrivato: la paura di ammalarmi ha iniziato a condizionarmi”.

L’abuso di alcol e droghe da parte di Fabrizio Moro e la conseguente ossessione di finire in ospedale lo hanno portato a vivere una vita di limiti autoimposti:

“Non uscivo più di casa se non ero sicuro di andare in un luogo con vicino un ospedale – ha fatto sapere ancora a DiPiù –  E pure con le donne avevo problemi. Per paura delle malattie – ha concluso – non volevo più fare l’amore. Ho rinunciato al sesso per un bel po’”