«Docenti e alunni non possono essere amici su Facebook»

Professori e alunni non possono essere amici su Facebook. Lo ha deciso la presidenza di una scuola media di Albisola superiore, sulla Riviera ligure di Ponente. Una circolare, consegnata in ogni classe, che ha fatto discutere dentro e fuori le mura del complesso scolastico. La circolare, in ogni caso, non è una novità. Quest'estate lo stato del Missouri, negli Stati Uniti, aveva approvato un provvedimento simile, provocando proteste e ricorsi.

La pagina razzista che fa infuriare Facebook

Questione di ruoli e autorità, o di privacy e libertà? Da un lato, come riporta Repubblica, ci sono casi di "fraternizzazione" online, come il preside di un liceo torinese che ha 899 dei suoi alunni tra gli amici. Dall'altro, molti studenti vedono l'amicizia con i docenti sul social network come un'interferenza indesiderata, un controllo ulteriore sulla loro vita privata, come se le proprie notifiche venissero lette da mamma e papà.

Niente Facebook per le figlie di Obama

Ma, come riporta il quotidiano, anche alcuni "docenti illustri" sono comunque contrari. Ermanno Ferretti, professore e autore del libro "Per chi suona la campanella" (Fazi), ha commentato: «Non voglio vedere quello scrivono, sono ingenui non si rendono conto cosa rischiano se leggo che saltano scuola per un compito in classe o scrivono che si fanno le canne».

I più attivi su Facebook? I fan di Gesù

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli