Facebook sta testando un sistema per offrire fino a 5 profili per utente

Hiroshi Arimitsu / Yomiuri / The Yomiuri Shimbun

AGI - Meta sta testando la possibilità per gli utenti di Facebook di avere più profili: cinque in tutto, quattro più il profilo originale. L'idea è che i profili in più possano essere utilizzati per scopi diversi: uno per gli amici, uno per i colleghi e altri per interagire con gruppi di interesse e influencer. L'account resterà unico, ma gli utenti potranno passare da un profilo all'altro.

I profili saranno soggetti alle politiche di Meta e le violazioni su un profilo influenzeranno l'account nel suo insieme. Gli utenti che creano profili extra non dovranno usare la loro vera identità per il loro nome visualizzato, a condizione che il profilo non violi le politiche della piattaforma.

“Per aiutare le persone a personalizzare la propria esperienza in base a interessi e relazioni, stiamo testando un modo per consentire alle persone di avere più di un profilo legato a un singolo account Facebook. Chiunque utilizzi Facebook deve continuare a seguire le nostre regole", ha riferito Leonard Lam a Techcrunch.

Finora la società ha impedito agli utenti di avere più account Facebook, l'apertura a questa possibilità segna un cambiamento per il social network: il test insomma ci dice che Facebook sta sperimentando modi per aumentare il coinvolgimento sulla sua piattaforma (con un occhio rivolto alla crescita di TikTok), incoraggiando gli utenti a pubblicare e condividere più contenuti con gli altri.

A febbraio 2022, con riferimento ai dati del quarto trimestre del 2021, l'azienda ha registrato per la prima volta nella sua storia un calo degli utenti attivi giornalieri. Tra ottobre e dicembre 2021 Facebook ne ha persi 500 mila, passando da 1.93 a 1.929 miliardi. Nel terzo trimestre 2022 il numero è invece tornato a salire, attestandosi a quota 1,96 miliardi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli