Facebook studia limiti a pubblicità politiche contro 'fake news'

A24/Pca

New York, 21 nov. (askanews) - Facebook sta valutando la possibilità di apportare cambiamenti alle sue regole per le pubblicità politiche che potrebbero includere il divieto di rivolgersi a piccoli gruppi di persone, nel tentativo di impedire la diffusione delle informazioni false, che hanno più presa tra un pubblico molto specifico. Secondo fonti del Wall Street Journal, il social network starebbe valutando la possibilità di aumentare il numero minimo di persone da raggiungere con le pubblicità politiche da cento a poche migliaia.

Altri grandi società del settore stanno correndo ai riparti contro la disinformazione: ieri, Google ha fatto sapere che non consentirà più alle campagne politiche di indirizzare i loro annunci agli utenti sulla base delle loro presunte preferenze politiche; a ottobre, Twitter ha annunciato che non accetterà più pubblicità politiche.