Fai-Cisl: nostro sindacalista aggredito nel ghetto di Rignano

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 11 ago. (askanews) - "Il presidente di Anolf Puglia e segretario territoriale della Cisl di Foggia, Mohammed Elmajdi, è stato sequestrato per quasi un'ora da un gruppo di residenti all'interno del cosiddetto 'Gran ghetto di Rignano', noto come 'Torretta Antonacci'". Lo ha denunciato in una nota la Fai-Cisl, aggiungendo che "l'aggressione rappresenta un episodio gravissimo che ben rappresenta le condizioni delle baraccopoli d'Italia, dove si concentrano degrado, caporalato e violenze di ogni tipo: esprimiamo pieno sostegno al lavoro che Fai, Cisl e Anolf stanno svolgendo per costruire progetti di solidarietà e integrazione convenzionati con la Regione Puglia, sono evidentemente azioni scomode per chi vorrebbe mantenere lo status quo".

"Ci auguriamo sia fatta piena luce su mandanti ed esecutori di questo atto vile per assicurarli alla giustizia", affermano il segretario generale della Fai-Cisl nazionale, Onofrio Rota, assieme a Paolo Frascella della Fai-Cisl Puglia e Donato Di Lella della Fai-Cisl Foggia, aggiungendo che "a Mohammed abbiamo già espresso anche personalmente il nostro messaggio di piena vicinanza e di incoraggiamento a proseguire le battaglie del sindacato per la legalità, il lavoro regolare, l'integrazione dei braccianti migranti, ma serve chiaramente anche il pieno sostegno delle istituzioni e delle forze dell'ordine affinché certe azioni non si ripetano".

"Anche la nostra petizione 'Mai più ghetti' che sulla piattaforma change.org ha superato rapidamente le 20mila adesioni va sostenuta - hanno concluso i sindacalisti - per dare un messaggio forte alla politica e in particolare al prossimo governo e a chi presiederà il Parlamento nella prossima legislatura: la lotta al caporalato e il superamento dei ghetti devono essere una priorità se veramente vogliamo essere un Paese civile che salvaguarda la dignità umana e la legalità".