Fake news, Youtube non cancella i video incriminati

Il portale video è da tempo sotto accusa per la presenza di video che diffondono notizie palesemente false. (Credits – Getty Images)

A parole i colossi del web hanno dichiarato guerra alle fake news, ma nella realtà dei fatti è veramente così? O, alla fine, la diffusione virale di bufale porta talmente tanti click da far chiudere gli occhi a chi, invece, dovrebbe vigilare? Secondo un’inchiesta promossa da Bloomberg la risposta è la seconda. Almeno per quel che riguarda Youtube.

Il portale video è da tempo sotto accusa per la presenza di video che diffondono notizie palesemente false, come quelle sui complotti legati ai vaccini o quella secondo cui Hillary Clinton è legata a una setta satanica. E un anno fa il capo di Youtube, Susan Wojcicki, si difese sottolineando come il sito fosse più una biblioteca di video e, come sempre accaduto per le biblioteche, nel mare magnum del portale ci sono anche video che creano polemiche. Eppure, nonostante la difesa, il sito aveva promesso di combattere la diffusione di video che propongono notizie false.

Ma dopo un anno secondo quanto scrive Bloomberg nulla è cambiato, anzi. L’inchiesta sottolinea come l’algoritmo di YouTube consigli la visione di filmati dal contenuto simile a quelli visti abitualmente. In questo modo, però, a chi capita di finire su video complottistici che diffondono fake news verranno proposti altri video dello stesso genere, alimentando così la disinformazione sulla piattaforma.

Ma perché Youtube non combatte questo tipo di video? Susan Wojcicki, e altri dirigenti del sito, avrebbero deciso di non intervenire nei confronti dei video dai contenuti falsi o che incitano all’odio per via del numero di utenti che attirano sulla piattaforma. Basti pensare che una clip di sette minuti che fa disinformazione sui tumori e che è stata vista oltre 7 milioni di volte.

Potrebbe anche interessarti:

Cyberbullismo, ecco l’app che tiene d’occhio i nostri figli

Gmail cambia, ecco tutte le novità

Si rompe ghiacciaio e nasce un mini tsunami, paura tra i turisti