De Falco: "Mio voto per Conte bis ha un prezzo, il coraggio di cambiare"

webinfo@adnkronos.com

"Il mio voto di fiducia al Governo #Contebis ha un prezzo, che si paga con il loro coraggio di cambiare". Non ha dubbi il senatore Gregorio De Falco, che in attesa del voto di fiducia di lunedì e martedì, svela su Twitter le sue intenzioni. Qualche giorno fa, insieme a Saverio De Bonis, aveva scritto un post su Facebook parlando delle "priorità" che il Conte bis dovrebbe avere, tra cui spiccava il Decreto Sicurezza bis. 

"La nostra fiducia al Governo Conte - si leggeva - è subordinata all'assunzione di impegni concreti e seri, in ordine innanzitutto alle fonti dalle quali il Governo intende attingere le ingenti risorse occorrenti ad avviare l'ambizioso programma enunciato. Deve, inoltre, chiarire tempi e modalità, di fatto e di diritto, attraverso le quali prima 'inertizzare' e poi riscrivere il Decreto 'Sicurezza bis', almeno quello". 

De Falco e De Bonis sono stati espulsi dal Movimento 5 Stelle proprio a causa del Dl Sicurezza, nello specifico il primo per aver votato contro e il secondo per essersi astenuto.  

"In tema di autonomia differenziata - continuava il post - poiché il riferimento ai LEP richiede un considerevole lasso di tempo, vorremmo capire quale direzione intende intraprendere il Governo nell'immediato. Il nuovo Esecutivo deve, inoltre, impegnarsi a porre in essere misure efficaci in agricoltura, turismo, lavoro, tutela del Mezzogiorno, della salute e dell’ambiente, oltre ad una politica efficace in tema di trasparenza nei mercati".  

In conclusione il rimando della decisione a dopo il discorso del premier: "Ascolteremo il discorso del Presidente Conte, e sulla base della serietà e della concretezza degli impegni che assumerà dinanzi al Senato della Repubblica, giudicheremo".