Famiglia intossicata da monossido a Monza: sono gravi

vigili

Un brutto incidente domestico, questa volta avvenuto a Sulbiate, in provincia di Monza. Un’intera famiglia è stata portata in ospedale perché rimasta intossicata da monossido di carbonio.

Famiglia intossicata a Monza

Dramma a Cascina Cazzullo, un paesino tra Sulbiate e Mezzago. Sono circa le 18.30 quando scatta l’allarme: intossicazione da monossido di carbonio per madre, padre e il piccolo figlio di 10 anni. A far partire le chiamate verso i soccorsi è stato il fratello del padre 49enne, preoccupato dal fatto che nessuno della famiglia gli rispondesse al telefono. Arrivato a casa, ha sfondato la porta e gli si è manifestata davanti una situazione al limite del dramma: il bambino era intontito e con evidenti difficoltà respiratorie, mentre i genitori erano entrambi svenuti. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco, due ambulanze, l’automedica, i carabinieri e un elisoccorso.

Famiglia intossicata: sono gravi

Madre e padre sono stati trasportati in codice rosso all’ospedale: l’uomo, un 49enne senegalese, è stato intubato e traportato all’ospedale Niguarda con l’elisoccorso; ora si trova in coma. La madre, di 35 anni, è stata intubata e portata in terapia iperbarica all’ospedale di Zingonia. Per il piccolo le condizioni sono meno gravi: non presenta apparentemente danni neurologici, e i medici hanno deciso di portarlo all’ospedale Niguarda in codice giallo. Sul posto si è precipitato immediatamente anche il sindaco di Sulbiate Carla Della Torre, che sta collaborando con i Carabinieri per cercare di ricostruire quanto accaduto.