Famiglia: Letta, 'assegno unico da seguire e rafforzare, Italia 20 anni indietro'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 9 giu (Adnkronos) – Una "riforma giustamente definita epocale", ma "non è che con il varo dei decreti attuativi abbiamo risolto tutto. Sappiamo quanto sia importante seguire passo passo l'applicazione e fare sì che sia continua". Lo ha detto Enrico Letta parlando dell'assegno unico per i figli nel corso di un incontro online organizzato dal Pd sulla nuova misura.

"E' evidente che per questa materia non conta un 'una tantum' ma la continuità, la possibilità che si possa contare su un lungo periodo -ha spiegato il segretario del Pd-. Le spese per crescere i figli sono spalmate su decenni, c'è assolutamente bisogno che la continuità sia fuori dalla logica con cui normalmente si costruisce il bilancio dello Stato, con le leggi di Stabilità ogni volta oggetto di trattative. C'è bisogno di chiarezza di aspettative".

Letta, tra le altre cose, ha sottolineato il fatto che "l'impatto demografico è graduale e inesorabile, quando gira male la demografia, come è da tempo in Italia, è difficilissimo raddrizzare le cose. Più tempo passa, più la voragine, i guai diventano insostenibili ed è impossibile risolverli".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli