Famiglia, Pillon (Lega): da Consulta attendiamo buon senso

Pol/Bac

Roma, 9 ott. (askanews) - "Dalla pronuncia della Consulta ci attendiamo la riconferma del sacrosanto diritto di ogni bambino e bambina a crescere con una figura paterna e materna nella propria vita, come è nella naturalità delle cose. La fermezza della nostra posizione deriva proprio dall'assoluta contrarietà che manifestiamo al tentato sovvertimento della famiglia naturale: il nostro no all'utero in affitto così come alla compravendita di gameti umani è da sempre chiaro ed inequivocabile. I fondamenti delle nostre società sono imprescindibili per noi: confidiamo, dunque, che anche l'Alta Corte protegga, con la sua pronuncia, il consolidato ordine naturale che fonda e sostanzia la millenaria tradizione delle nostre comunità". Lo afferma in una nota il senatore della Lega Simone Pillon, in attesa della decisione della Consulta sulla legittimità costituzionale dell'attuale preclusione all'iscrizione nei registri dello stato civile di un bambino come figlio di due persone dello stesso sesso.